Proteggere I Bambini Dalla Violenza

Proteggere I Bambini Dalla Violenza E Dagli Abusi Sessuali Prevenzione

 

Proteggere I Bambini Dalla Violenza : quando ho sentito il racconto che leggerete, immediatamente ho pensato di parlare a tutti voi genitori attraverso queste pagine del sito perchè veramente l'unico modo che abbiamo di proteggere i bambini dalla violenza e dagli abusi sessuali dei pedofili è proprio quello di parlare con i bambini di questi orchi cattivi.

 

Leggete questa testimonianza poi dopo riprenderò a scrivervi. Un abbraccio a tutti da Sara Luce.

 

Senti Sara, avevo 5 o 6 anni e ero dai miei nonni con i miei genitori; giù in strada, c'era un vecchietto con una bancarella che vendeva dolciumi vari ed io ero scesa a comprare delle caramelle. La bancarella con il vecchietto era proprio sotto casa di mia nonna e non dovevo fare molta strada, nel ritornare verso casa e entrando nel portone, subito dietro di me entra un uomo che inizia a parlare con me. Io man mano che lui si avvicinava, iniziavo a salire le scale e lui per far si che io mi avvicinassi a lui, esce fuori un portamonete pieno di spiccioli tendendo la mano piena di spiccioli verso di me.

 

Io ero molto combattuta, e quando stavo per cedere, sento mia mamma che mi chiama su per le scale, allora io scappo su a casa. Racconto l'accaduto alla mamma che preoccupata si è affacciata con la speranza di vedere l'uomo, ma niente .... era sparito .... per qualche giorno l'uomo ha continuato a girare nei dintorni di casa. L'intervento di mia mamma nel chiamarmi mi ha salvata da un qualcosa che non oso pensare e benedico il mio Angelo di essermi stato vicino in quel momento perchè, vedi Sara, nonostante ero piccola e i soldini avrei voluto tanto prenderli e l'uomo era molto convincente, ricordo una forza mentale non mia, come una vocina che mi diceva scappa, non accettare, ma rimanevo immobile, poi ho udito mamma che mi chiamava e sono corsa su.

 

Un bacio tesoro, Mimma

 

Come me sarete addolorati dalla lettura di questa testimonianza ma ancor più addolorati al pensiero di bambini che invece ne sono stati vittime.

 

Nel corso del tempo su questo sito ho pubblicato altri articoli su questo argomento che potete andare a leggere:

 

http://www.leparoledegliangeli.com/it/articoli-angeli-libri/499-pedofilia-maltrattamento-abuso-sessuale-sui-bambini-aiuto-ai-genitori-testimonianza.html In questo articolo si parla dei segnali che lanciano i nostri figli terrorizzati quando hanno subito degli abusi o ripetuti abusi e ci sono indicazioni su cosa fare e cosa non fare come genitori.

 

http://www.leparoledegliangeli.com/it/articoli-angeli-libri/2789-contro-la-pedofilia-giornata-contro-la-pedofilia-video-del-libro-i-predatori-di-bambini.html In questo articolo c'è un video dove Massimiliano Frassi fondatore dell'associazione e del sito www.associazioneprometeo.org ci parla del suo impegno contro la pedofilia. Il messaggio cardine è che nessuno di noi si deve mai sentire sufficientemente al sicuro dalla possibilità che i nostri figli possano venire in contatto con un pedofilo. Non esistono i pedofili gentili, esistono solo i pedofili, persone violente che fanno del male ai bambini. Questa è la realtà. Dura realtà.

 

http://www.leparoledegliangeli.com/it/articoli-angeli-libri/2813-pedofilia-lotta-alla-pedofilia-come-i-pedofili-attirano-i-bambini-video.html In questo articolo, con due video, sempre messi a disposizione dall'associazione Prometeo di Brescia si parla di come i pedofili approfittino della ulteriore debolezza, quindi non solo bambini ma bambini disabili. Sempre in questo articolo sono indicati i mezzi più usati dai pedofili per avvicinarsi ai nostri figli.

 

Guardateli tutti, come genitori, questi articoli, sono importanti, vi possono essere di aiuto.

 

Ma lo scopo di questo mio articolo di oggi è la prevenzione, come possiamo proteggere i bambini dalla violenza e dagli abusi sessuali.

 

Prima domanda: quando dobbiamo iniziare a parlare ai bambini della pedofilia? Se si considera che in Italia, ufficialmente, il maggior numero di denunce riguarda abusi su bambini dagli 0 ai 4 anni, è terribile ma è così, dobbiamo iniziare a parlare ai bambini appena il loro livello di comprensione della parola umana è possibile.

 

Cosa dire ai bambini, anche a quelli più grandi se ancora avete avuto difficoltà a parlare di questa triste realtà? Con un linguaggio proporzionato all'età sicuramente il primo messaggio da trasmettere è: la fuori ci sono anche delle persone cattive che vogliono fare del male ai bambini, si presentano e si avvicinano ai bambini con un modo carino, gentile, convincente, offrendo loro cose che piacciono tanto ai bambini, ma è solo per farli avvicinare a sè (come genitori sapete tante storie, tante favole, dove dolci vecchine offrivano mele avvelenate ecc. ecc.); quando un bambino è solo ed è avvicinato da un adulto con cose che piacciono ai bambini, i bambini devono sempre scappare. Subito via, dire di no e scappare. Scappare via!!!

 

Seconda cosa importantissima da dire ai bambini è: qualsiasi, qualsiasi cosa ti venga detta o fatta, tu la devi subito dire alla mamma o al papà o alla maestra o a un adulto di cui ti fidi e quella persona interverrà per aiutarti e per proteggerti. Qualunque cosa ti venga detta o fatta tu la devi dire subito all'adulto e ti proteggerà, ti aiuterà.

 

Perchè cari genitori, il dialogo è l'arma fondamentale, l'arma più preziosa che abbiamo per proteggere i bambini dalla violenza e dagli abusi sessuali perchè se il pedofilo capisce che il bambino è in un ambiente controllato e protetto, il pedofilo non agisce.

 

Lo avete visto anche in questa testimonianza che avete letto, la bambina ha raccontato immediatamente tutto alla mamma che da quel momento l'ha scortata e il pedofilo le è girato intorno altri tre giorni per poi scomparire.

 

Ora parlate con tutti i vostri figli ricordandovi gli espedienti, i trucchi più usati dai pedofili, metteteli anche in forma di storie, ma parlatene con i vostri figli.

 

Le Schede di Prometeo.

 

Gli espedienti usati dai pedofili.

 

Quello che segue è un breve ma esplicito elenco, realizzato da una équipe di operatori sociali esperti di lotta alla pedofilia, che riporta gli espedienti più utilizzati dai pedofili per avvicinare le loro vittime.

 

“TI FACCIO UN REGALO” Al bambino viene offerto in regalo qualcosa che egli desidera molto, come dolci, un giocattolo, soldi, cibo o altro. A volte il molestatore può portare via qualcosa al quale il bambino è particolarmente affezionato e promettergli di restituirlo soltanto a patto che il bambino assecondi i suoi desideri, o mantenga il segreto se l’abuso è già avvenuto.

 

“SEI UN BAMBINO VERAMENTE CATTIVO” Il molestatore accusa il bambino di avere commesso qualcosa di sbagliato e promette di non dirlo ai suoi genitori soltanto se accondiscenderà a fare ciò che gli viene richiesto.

 

“HO UN ANIMALE DA FARTI VEDERE” Il bambino viene attratto con il pretesto di fargli vedere un cucciolo e, pur di giocarci insieme, segue il molestatore e ne asseconda le richieste.

 

“TI VOGLIO FARE DELLE FOTO” Spesso il bambino viene invitato a posare per una sessione fotografica o ripreso per fare un filmino. Alcuni molestatori allettano i bambini con la premessa di farli diventare famosi, magari garantendo di farli partecipare a trasmissioni televisive. Purtroppo questa è una delle modalità con cui più frequentemente viene perpetrato l’abuso sessuale (spesso confuso e misconosciuto) su adolescenti.

 

“APRIMI LA PORTA CHE TI DEVO DARE UNA COSA” A volte quando il molestatore sa che il bambino è a casa da solo, cerca di farsi aprire la porta adducendo le scuse più varie.

 

“NESSUNO TI CREDERÀ” Spesso il molestatore anticipa al bambino che, qualora voglia riferire il segreto a qualcuno, nessuno gli crederà, inoltre i genitori si arrabbieranno moltissimo.

 

“MI PUOI AIUTARE, PER FAVORE?” Un altro modo con cui a volte gli sconosciuti avvicinano i bambini è quello di fingere di avere bisogno di informazioni. I bambini sono naturalmente propensi ad aiutare anche chi non conoscono. Poter essere d’aiuto ad un adulto li fa sentire validi ed importanti. È necessario però che i grandi insegnino i bambini che è buona regola per gli adulti non fermare mai i bambini per farsi aiutare, soprattutto quando entrambi non si conoscono vicendevolmente. Perciò, non rispondere alle richieste d’aiuto di sconosciuti, anche se apparentemente conveniente, può essere una “regola preventiva” molto valida.

 

“PERCHÈ NON VIENI A CASA MIA A GIOCARE CON ME?” Premesso che un bambino deve giocare con i suoi pari, quando un adulto chiede espressamente di giocare insieme ad un bambino, portandolo in casa propria, spesso nasconde l’intenzione di coinvolgere il minore in attività non lecite.

 

Ricordate amati genitori: il dialogo è l'arma fondamentale per proteggere i vostri figli

 

Un dolce abbraccio a tutti voi da Sara Luce e Massimiliano Frassi www.associazioneprometeo.org

 

E' di queste ore una nuova storia, una bambina di 6 anni, il suo solito tragitto per andare e tornare da scuola, da sola visto che la scuola non è distante, un anziano, le sorride, la invita ad entrare in casa sua, la bambina è ubbidiente, la bambina segue l'invito di quell'adulto, adulto che si masturberà davanti a lei, 6 anni.

 

Proteggere I Bambini Dalla Violenza E Dagli Abusi Sessuali Prevenzione è un articolo di Sara Luce

 

Proteggere I Bambini Dalla Violenza E Dagli Abusi Sessuali Prevenzione

 

Proteggere I Bambini Dalla Violenza

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa