Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Testimonianze

Angelo La mano invisibile dell'Angelo Custode salva un bambino Intervento di un Angelo Custode

Angelo La mano invisibile dell'Angelo Custode salva un bambino Intervento di un Angelo Custode
 
Avevo solo 10 anni, e dopo aver finito i compiti di scuola, come consueto, andavo fuori a giocare con i miei coetanei. Ovviamente non mi allontanavo da casa, e stavo sempre nel quartiere dove abito tuttora.
 
La mia casa ha due entrate, una che da sulla strada principale e l'altra che da dietro la casa, dove vi sono delle strade secondarie e non frequentate da macchine e a circa 100 m di distanza vi è un montagna, non alta.
 
Io andavo spesso a giocare la’, nelle strade secondarie. Da li i miei potevano tranquillamente controllarmi, anche se noi stavamo sempre sul marciapiede, e quindi non c'era pericolo.
 
Un giorno, con i miei compagni decidemmo di salire la montagna ove vi è una piccola grotta. Premetto che non era la prima volta che ci avventuravamo lassù e che entravamo nella grotta. Io mi metto stavolta per primo e mi arrampico. Alcuni mi seguono, altri invece non si sentono di venire e rimangono ai piedi della montagna a guardare e ad aspettarci.
 
Prima di arrivare all'ingresso della grotta, vi è una stradina piccola che il piede non c'entra tutto e si deve camminare a spalle a muro, tipo film di indiana Jones. Siamo a circa 30 m di altitudine, e sotto c'è solo burrone e pietre e roveti di spine.
 
In preda all'entusiasmo mi metto a salutare i miei coetanei che mi aspettavano giù, per far vedere che non avevo paura e che non soffro di vertigini. All'improvviso perdo l'equilibrio e sto per cadere giù, mi manca il muro alle spalle, ad un tratto sento una mano grande invisibile che mi comprime il petto e mi sbatte nel muro. In poche parole mi ha ridato l'equilibrio che mi mancava.
 
I miei amici mi avevano già dato per spacciato. Non sono riusciti a capire come ho fatto ad acquistare l'equilibrio. Io tremavo più per la mano invisibile che ho sentito che per lo spavento di cadere. Ero confuso, non sapevo cosa pensare, non capivo niente. Sapevo solo che una mano mi spingeva verso il muro e mi bloccava per non farmi cadere.
 
A distanza di anni, sento ancora il calore di quella mano che mi ha salvato e non mi fatto cadere evitando di sfracellarmi contro i roveti e le pietre. Da allora non ho voluto più saperne di andare alla grotta e di arrampicarmi su quella montagna, come di solito facevo.
 
Non ho mai raccontato quest'episodio a nessuno perchè non mi avrebbero creduto. Solo chi mi ha visto crede che qualcuno mi ha salvato. Quel qualcuno doveva esser per forza un Angelo, grande e forte.
 
Spero che la mia testimonianza sia di aiuto a qualcuno che si possa trovare in difficoltà e che dia speranza a tanti, a credere in un aiuto speciale che il buon Dio ci da’ attraverso i suoi Angeli.
 
Peppe
 
Titolo Angelo La mano invisibile dell'Angelo Custode salva un bambino Intervento di un Angelo Custode
 
 

Stampa Email

Le Parole degli Angeli