Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Gruppi preghiera

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi delle Guide Angeliche

 

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi

 

Le Guide Angeliche dettano a Lidia al Gruppo di preghiera Amore e guarigione di Catania

 

19.06.2013

 

Fratelli diletti, siamo con voi. Vi portiamo la luce potente dei nostri spiriti insieme al messaggio di amore di tutto l'Universo affinché possiate farne buon uso  accogliendolo nei vostri corpi, facendolo circolare in maniera adeguata al fine di ottenere quel risveglio repentino, desiderato e voluto dal vostro essere. Inoltre, assieme a questo risveglio spirituale, conseguirà un prodigioso miglioramento del vostro stato di salute perché, come sapete, anche il vostro corpo fisico si adegua, si deve adeguare al messaggio di amore e di luce che proviene da tutti noi  spiriti dell'Universo.

 

Ritemprando tutte le vostre forze, riproponendo le energie vitali, siete in grado di affrontare ogni momento della vostra vita, assieme a qualche disagio, a qualche contrarietà, prodotti dalla vicinanza dei vostri  fratelli umani.

 

Non accade che cambi completamente il panorama della vostra vita ma siete voi che vi modificate aggiungendo energia e ritrovando vigore e capacità di affrontare gli eventi che contraddistinguono una incarnazione e fanno parte di quel programma che avete stipulato assieme alle vostre guide e che, solo in minima parte, prevedeva delle variazioni, delle varianti che potete immaginare come degli incroci che raramente si presentano in un rettilineo, in una strada tutta dritta. Immaginate questo incrocio come la variante possibile che in alcuni momenti della vita avete avuto sotto gli occhi e potevate gestirla in una maniera o in un'altra. Di conseguenza, la scelta operata viene incanalata su un altro cammino che non è molto dissimile dall'altra opzione o variante ma a volte può comportare qualche contrasto in più, qualche difficoltà in più ma sempre come necessità per la vostra crescita e sempre a vostro beneficio.

 

Può sembrare un assurdo: la modalità di affrontare la vita e di trascorrerla senza difficoltà, senza patemi d'animo, senza disillusioni non può considerarsi vita ma solo mancanza di vita per cui, in tal caso, si è dei morti viventi. Anche il Cristo richiamò questa grande Verità in quanto intraprendere un percorso spirituale richiede a volte sacrifici, rinunce anche ai valori operanti in una società; richiede, a volte, entrare in contrasto con questi valori e soffrirne per questo. La sofferenza non viene dalla coscienza ma dall'ambiente, dal rifiuto degli altri, dalla non accettazione degli altri, dalla loro critica. Questo è il prezzo che si paga quando si vuol crescere uscendo dal conformismo, optando per un valore più grande, per un bene più grande. Si paga un prezzo inevitabile.

 

Il Cristo disse ad un suo apostolo: lascia che i morti seppelliscano i loro morti.

 

C’era un disegno più grande da seguire per i suoi discepoli, un messaggio rivoluzionario nell’ascoltare la Sua parola introiettata e fatta propria. Noi lo riproponiamo perché il Cristo impronta sempre il nostro pensiero. La sua energia vibratoria come è rimasta in mezzo a voi, alla stessa maniera, la percepiamo nell'aria della nostra esistenza.

 

Pertanto, queste scelte che, a volte, si sono presentate probabilmente non si ripresenteranno, Ma ciò non pregiudica il cammino, niente è perduto, non ci deve essere rimpianto nell’andare avanti. Il fatto che, talvolta, vi soffermiate, fratelli, a ricordare il vostro passato, i vari momenti non solo di gioia ma anche di dolore, i passi che avete compiuto di cui vi siete anche pentiti, costituisce un modo di fare, di pensare e di agire che dovete mettere da parte, eliminare definitivamente. Noi vi proponiamo di essere tutti protesi verso il presente perché potete agire soltanto sul presente e non sul passato o sul futuro, anche se il futuro verrà fuori dalle vostre scelte, dal vostro pensiero creativo: la partenza sarà l’oggi e non il passato.

 

Se nell’oggi vi portate appresso il passato, nel futuro vi porterete appresso il dolore, il rimpianto, le perdite subite, gli affronti, le umiliazioni; soprattutto, tutto ciò che vi hanno inculcato come non accettazione di voi stessi, la dignità calpestata e la corsa all'emulazione di chi è più bravo, più intelligente. Quanta sofferenza c'è ancora nei vostri cuori, quante ferite da richiudere, da rimarginare con l'amore che vi date e con l'amore che ricevete! Non pensate più al passato, proprio a quel vostro passato così tormentato, così oscuro a volte, così incomprensibile, ma che ha fatto di voi quello che siete oggi, esseri meravigliosi; lo siete sempre stati, ma ora siete consapevoli della vostra grandezza, la grandezza divina che vi/ci accomuna al Creatore.

 

Non siete delle piccole cose, dei piccoli esseri così come per tanti anni e da tante bocche avete sentito ripetere; avete un corpo fisico che è caduco, che si ammala, che muore ma la vostra grande potenza, la vostra magnificenza non può morire insieme al corpo, la magnificenza dello spirito non soggiace alle leggi della vostra bidimensionalità.

 

Se avete riconosciuto la vostra grandezza, il potere immenso che c'è in voi e non vi fate distrarre dal pensiero antico, dal pensiero del rifiuto, allora potete ricostruire magnificamente tutto il vostro ambiente.

 

Gli amici, i parenti che avete attorno saranno pieni di amore, propensi all’amore, così come lo sarete voi verso di loro; non dovrete penare faticosamente per ottenere un dono dal Cielo, dalla Provvidenza perché quello di cui avete bisogno, che vi necessità, vi verrà dato.

 

Se veramente credete nel grande potere creativo e trasformatore che Dio ci ha messo dentro, tutto il panorama della vita, dell'esistenza, assume un’altra colorazione: da nero diventa roseo. Non temerete più la malattia, non temerete gli acciacchi del tempo e neanche la morte fisica.

 

La consapevolezza di cui tanto si parla che è sulla bocca di tutti ma che non tutti comprendono in pieno è questo stato di grazia che non viene dato a tutti ma che si conquista; si conquista attraverso il dolore ma, soprattutto, attraverso il risveglio del potere, del Potere divino.

 

Ecco perché noi fratelli di altre dimensioni, spiriti di luce, assieme a tutte le entità che proteggono la Terra e i suoi abitanti, le piante, gli animali, siamo così attenti e così solleciti a che avvenga un risveglio totale dell'umanità. Il risveglio totale della coscienza, del Potere divino, cambia totalmente il panorama di questa vostra Terra, così bella ma anche così deturpata, massacrata.

 

Il risveglio della consapevolezza allontana ogni idea di guerra, di persecuzione e di assoggettamento di altri esseri umani; la consapevolezza è come uno specchio che riflette un'immagine e nello specchio voi vedrete i vostri fratelli con uguale dignità. Tutti gli altri accessori che avete creato con la cosiddetta civiltà diventano fattori irrisori di secondaria importanza, anche se bisogna vivere in un contesto umano e rispettare delle regole. Ma ciò non significa diventare schiavi delle regole che voi stessi uomini avete creato e che vanno bene per certe persone e non per altre; che possono essere valide in un periodo storico ma non in un altro periodo. Ricordate, regole ma non valori. I veri valori sono valori assoluti, riconosciuti non solo su questo pianeta, in ogni ambito di questo pianeta, ma anche in tutto l'Universo.

 

Nella nostra esistenza ci accorgiamo dei diversi gradi di vibrazione, dei diversi livelli vibratori che a volte non riusciamo a comprendere perché non avete ancora fatto questo passo in più. Però il rispetto per ciò che non si comprende è massimo, è totale.

 

Anche nei vostri confronti sentendo e vedendo le azioni umane che definiremmo disumane nei confronti di altri fratelli o di animali o di piante dovremmo provare orrore; eppure accettiamo questa diversità e non vi togliamo il nostro amore; non vi sottraiamo, non vi togliamo la nostra comprensione perché il giudizio non è da noi contemplato, è qualcosa che è stato trasceso, che abbiamo lasciato sulla Terra. Anche se la parola giudizio si ricollega alla giustizia divina non possiamo appropriarci di essa come non potete appropriarvene neanche voi.

 

La giustizia umana ha un valore soltanto relativo, non ha niente di assoluto. Perciò va considerato con molta comprensione ogni fatto - anche il più atroce  -  che possa commettere un uomo verso un altro uomo.

 

E' vero che esiste anche una giustizia che viene amministrata dai vostri giudici, dai vostri tribunali, ma l’intento della condanna dovrebbe essere quello della redenzione e di tenere lontano i rei dalla società per non far procurare loro ulteriore danno all'umanità.

 

Bisogna cambiare l'atteggiamento mentale anche nei confronti di chi si macchia di un delitto. Quando voi dite che si perde il lume della ragione non è solo l'intelletto ma è lo spirito che si è allontanato momentaneamente da quella creatura e non l’ha  potuta guidare come si conveniva.

 

Il fratello, in quel momento, ha smarrito il suo spirito guida e si è trovato soltanto con i suoi istinti primordiali, con tutte le emozioni più negative che lo hanno portato a quel gesto. Comunque, anche questi episodi - che a volte sconvolgono le vostre cronache e turbano quella pace, quel benessere interiore che ognuno cerca di costruirsi - hanno una ragion d'essere. Se non si capisce immediatamente il motivo, la ragione profonda, lo si capirà in un altro momento.

 

E' sempre il piano di Dio che si manifesta non come azione diretta divina ma come azione degli uomini che ascrivono, che formano il Piano divino.

 

Essendo noi tutti co-creatori, costruiamo il Piano di Dio assieme a Dio. In questa vostra dimensione, dove esiste il bene e il male, esistono la luce e l'ombra, dove esistono la vita e la morte tutto oscilla su questi due lati e non potrebbe essere altrimenti. Il male serve per il bene, l'odio serve per l'amore: è così all'infinito. Dalla comprensione di questi due opposti avviene la trascendenza e, quindi, si è aldilà del bene e del male; si è al di là della luce e dell’ombra, si è nell'Unità.

 

Desiderate fare qualche domanda, fratelli? Sono qui anche per questo: per soddisfare i vostri bisogni. Rispondere a qualche vostro quesito ci riempie di tanta gioia.

 

E allora io vado. Addio, fratelli.

 

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi delle Guide Angeliche è stato dettato al Gruppo di preghiera

 

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi delle Guide Angeliche

 

Consapevolezza Il Risveglio Messaggi

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email