Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

La luce in fondo al tunnel

La luce in fondo al tunnel visioni e impressioni

 

La luce in fondo al tunnel

 

Siamo partiti per le vacanze, era agosto, eravamo io, mio padre, mia madre, mio fratello, mia sorella e un amico dei nostri genitori con il suo bambino. Avevo 10 anni all'epoca.

 

Fin dalla prima settimana di vacanza ho avuto un dolore molto forte nella pancia, i miei genitori chiamarono un dottore che disse loro che doveva essere un'intossicazione alimentare e così mi prescrisse delle medicine ma le mie condizioni peggiorarono e alcuni giorni dopo, i miei genitori chiamarono un altro dottore che mi diagnosticò un'appendicite.

 

Dovevo rapidamente essere ricoverata in ospedale e sottopormi a un intervento chirurgico, il medico sospettava che fossi già in peritonite.

 

Non c'era un'ambulanza a disposizione così mio padre e il suo amico presero una macchina e mi portarono in ospedale.

 

Un'ora dopo, mentre ero in una condizione di quasi incoscienza, arrivammo al pronto soccorso ma solo dopo molto tempo dopo fui portata in sala operatoria.

 

Mi sono svegliata in una stanza del reparto di terapia intensiva con una giovane ragazza di 14 anni nel letto vicino, ragazza che in seguito è morta durante il mio ricovero in ospedale. La mia diagnosi era stata peritonite acuta.

 

Anni dopo, mia madre mi disse che i dottori avevano detto loro che le mie condizioni erano molto gravi e che c'era una possibilità su due che sarei morta; lei e mio padre sono rimasti al mio fianco, alternandosi giorno e notte, dormivano sul pavimento accanto al mio letto, erano spaventati che io potessi morire, non mi lasciavano mai sola.

 

Quello che nessuno sapeva era che sono morta, almeno per un po'. Non ho mai detto loro della mia esperienza perché ero una bambina molto introversa e anche perché per molto tempo ho creduto che fosse un sogno o una specie di delirio, a causa delle mie condizioni e delle iniezioni che venivano costantemente eseguite su di me.

 

Ecco la mia esperienza che risale a quel tempo:

 

all'improvviso mi sono vista molto chiaramente sdraiata sul mio letto d'ospedale con le lenzuola su di me; i miei occhi erano chiusi; mi sono vista molto distintamente; ero fuori dal corpo, nell'angolo destro del soffitto della stanza; il mio letto era sul lato della finestra; non ho sentito nulla ed ero indifferente al mio corpo; mi sono vista, tutto qui.

 

Poi mi sono ritrovata nell'oscurità, in una sorta di tunnel senza limiti e sono avanzata verso il tunnel mentre galleggiavo, mi sentivo bene, anche molto bene; ero completamente sola e all'improvviso in lontananza vidi un piccolo bagliore bianco; mentre avanzavo la luce diventava più grande, era una luce opaca, come il cotone; avevo l'impressione di nuotare nel cotone o in qualcosa di morbido, non avevo alcuna sensazione di caldo o di freddo; poi ho sentito un'immensa felicità, una grande gioia e pace; mentre sperimentavo intensamente questa meravigliosa pienezza e mentre sentivo in me il desiderio di andare avanti verso questa luce, una "voce", un pensiero, o uno spirito forse il mio, non lo so, mi disse "Non è il momento" ma io ho continuato ad avanzare e la "voce" ha ripetuto "Non è il momento, hai ancora cose da fare e da vivere laggiù"

 

Poi la "voce" mi chiese quali persone avrei voluto vedere, perchè quelle persone avrebbero avuto bisogno di me e del mio aiuto ed ho risposto "Voglio vedere il mio papà e mia madre" e cominciai a tornare indietro nonostante il mio desiderio di andare oltre ma sentii come un rallentamento, come un'esitazione e all'improvviso mi sono ritrovata nel mio corpo.

 

Ritrovarmi nel mio corpo fu molto sgradevole, avevo freddo, avevo dolore e il più piccolo rumore nella stanza era infernale per me, mi sentivo sensibilissima al rumore.

 

Durante i giorni successivi, guardavo spesso verso l'angolo in alto della mia stanza, ricordo perfettamente che mi divertiva sapere che ero stata lassù e che potevo vedere me stessa; aspettavo il momento in cui sarei stata in grado di ripetere questa esperienza, aspettavo che risuccedesse, ma non è mai più successo di nuovo.

 

Questa esperienza non è stata affatto traumatica, al contrario, trovo che sia un peccato che non si possa provarla di tanto in tanto e che non la possano provare tutti.

 

Ho impiegato più di 30 anni prima di parlare di questa esperienza, non dell'OBE, ma dell'esperienza del tunnel, fino a quando un collega mi ha detto che pensa che ci siano davvero cose che accadono a livello energetico e che un giorno forse la scienza potrebbe spiegarlo. Ho raccontato la mia storia a qualche collega, a mio marito e ora lo condivido con te.

 

È tutto.

 

Voglio solo concludere col dire che anche io non ho paura della morte, come tutte quelle persone che hanno vissuto esperienze simili alla mia, è un bel regalo, non è vero? e sarebbe bello condividerlo con tutti.

 

Ti ringrazio per aver trovato il tempo di leggermi.

 

La luce in fondo al tunnel visioni e impressioni sono parole di Donatella

 

 

 

La luce in fondo al tunnel visioni e impressioni

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email