Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Testimonianze

Manifestazioni di vita dopo la morte

Manifestazioni di vita dopo la morte di mio padre

 

Anche mio padre mi fa trovare delle monetine, sopratutto quando lo invoco e chiedo dei segni che mi è vicino e che mi ascolta.

 

Anni fa ho attraversato un momento di profonda crisi personale e di coppia con la persona con cui stavo, e avevo paura di perderla e che scoprisse un mio tradimento (cosa di cui poi decisi di parlare io) e imploravo mio padre di aiutarmi, di guidarmi a fare la scelta giusta, soprattutto imploravo che non scoprisse da sé questa cosa perché avevo paura di perderlo. E i segni più grandi e più belli che mi ha mandato dopo averglieli chiesti sono stati 2.

 

Uno è stato mentre stavo passeggiando al porto, un portachiavi con un gufino rosso e nero (e lui era tifoso sfegatato del Milan! I suoi colori!!) e un altro giorno dovevo consegnare per lavoro una busta in una casa lontana, e prima di suonare sentii a volume altissimo una canzone degli anni '90 che lui adorava e che ballava sempre e che per me è la SUA canzone.

 

Anche ora a ripensarci provo la stessa sensazione di stupore e incredulità.

 

Un ulteriore segno della sua vicinanza costante è che qualche anno fa mi sono fatta tatuare il gufo che avevo trovato, con le sue iniziali. Tornando a casa chiesi alla persona accanto a me "Chissà se mio padre sarebbe stato contento di questa cosa che ho fatto?" ... per tutta risposta dopo mezz'ora, ho trovato 10 euro in terra! L'ho preso come un SONO MOLTO CONTENTO!!

 

L'ultimo segno inequivocabile del suo ascolto e della sua presenza che vi voglio raccontare, me lo ha dato pochi mesi fa. Era fine ottobre, e da qualche mese stavo pregando tantissimo mio padre e gli Angeli di concedermi la meraviglia di diventare mamma per la seconda volta.

 

Già era accaduto il miracolo che avevo chiesto nelle mie preghiere, che il mio compagno cambiasse idea circa l'avere un figlio solo ... e così era stato ed era stato lui a dirmi di provare a fare il secondo. Ma dato che non arrivava, continuavo a pregare e a chiedere aiuto all'Arcangelo Raffaele, chiedendogli la grazia di poter avere un secondo bambino a breve e promettendo di chiamarlo con il suo nome, come segno di riconoscenza, sia che venga maschio che femmina.

 

Prima di andare al cimitero con mia mamma e mia sorella, mi sono fermata davanti alla foto di mio padre che tengo in camera, e a voce alta gli ho detto in tono scherzoso "Allora, facciamo sto miracolo, papà?"

 

Arrivata al cimitero, davanti alla parete di loculi dove sta l'ossario di famiglia e dove stanno i suoi resti, proprio lì davanti per terra c'era una lettera di quelle che stanno sulle lapidi. Una R. Una R come Raffaele (o Raffaella che sia). La cosa che mi ha lasciato interdetta è che non c'erano nelle vicinanze, né sulle pareti accanto, lettere mancanti o lapidi rinnovate da poco. Nemmeno negli ossari adiacenti. E poi di tutte le lettere dell'alfabeto, proprio una R dovevo trovare!! Da quel giorno ho messo il cuore in pace e ho capito che Raffaele arriverà quando sarà il suo momento. Pochi giorno dopo ho trovato lavoro e ho capito che non era quello il momento, ma quando sarà, arriverà. E tengo la R accanto alla sua foto.

 

Un'ultima cosa. Ho sempre sospettato che il mio compagno me lo avesse "mandato" mio padre, in qualche modo, lo ricorda parecchio - forse un pochino anche fisicamente, ma non molto - per certe cose, per certe idee sulla cucina ad esempio (ma l'ho scoperto con il tempo e la convivenza!) e in particolare due atteggiamenti mi hanno fatto sospettare questa cosa; la prima è stata quando si mise con la schiena contro lo stipite della porta e si grattò stile orso, cosa che mio padre faceva spesso perché a me e mamma divertiva molto. Questa cosa il mio compagno con la sapeva e non la ripeté più! La seconda è accaduta l'estate scorsa. Quando era davvero molto caldo e sudava tanto, il mio ragazzo si asciugava la fronte con un fazzoletto; parlando con mia sorella di questa cosa lei ha detto: "Anzi che non fa come papà, che faceva appiccicare il fazzoletto sulla fronte!" e il giorno dopo per la prima volta, il mio compagno fa questa cosa!

 

Ritengo che ci sia lo zampino di papà, che era una persona a cui piaceva giocare in vita, e credo che gli piaccia farlo anche ora. Sarà colpa sua la tv che ogni tanto si accende da sola, in particolare di notte? :)

 

Manifestazioni di vita dopo la morte di mio padre sono parole di Loredana

 

 

 

Manifestazioni di vita dopo la morte di mio padre

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email