Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Libri

Tibet una tragedia dimenticata articolo

Tibet una tragedia dimenticata articolo sul Tibet storia vicissitudini del Tibet

 

Situato a nord dell'Himalaya, tra l'India e la Cina, il Tibet ha una superficie di 2,5 milioni di Kmq (cinque volte la Francia). La popolazione tibetana è attualmente stimata in 6,5 milioni di abitanti contro più di 7 milioni di coloni cinesi insediati sul territorio. Per secoli il Tibet è stato un paese unito, libero e indipendente, come attestato da ben tre risoluzioni approvate dalle Nazioni Unite nel 1959, 1961 e 1965, sfortunatamente rimaste lettera morta.

 

È un paese incomparabile, ricco di una tradizione di saggezza millenaria meravigliosamente incarnata dal XIV Dalai Lama, la cui lotta non-violenta, che è anche quella di tutto un popolo, è stata premiata nel 1989 con il Premio Nobel per la pace.

 

Ignorando le Convenzioni Internazionali nel 1950 le truppe dell'esercito della Repubblica Popolare Cinese invasero ed occuparono il Tibet, uno stato fino ad allora assolutamente indipendente e del tutto differente dalla Cina in quanto ad etnia, sistema sociale, cultura, religione e tradizioni. Nel 1959 il Dalai Lama, prima autorità del Paese, fu costretto all'esilio. Gli ultimi 40 anni sono stati segnati da continue offese sia ordite contro il popolo tibetano che alla sua cultura.

 

Quello che è stato fatto subire al Tibet e al suo popolo è uno spaventoso sopruso che ripugna alle coscienze di tutte le persone libere e amanti della libertà, della pace e dei diritti umani. Un vicino immensamente più forte sul piano del numero e della potenza militare ha consumato un vero e proprio genocidio ai danni di una nazione, quella tibetana, che aveva come unica arma la non-violenza. Le forze d'occupazione hanno commesso e commettono tuttora numerosi e orribili atti di barbarie. Si stima che circa 2 milioni di tibetani siano morti tra il 1950 e il 1980, in conseguenza dell'occupazione cinese.

 

Nel corso della famigerata ‘rivoluzione culturale’ (1966-1976), seimila templi (cioè la quasi totalità dei luoghi di culto) e una miriade di tesori artistici sono stati distrutti. Alla popolazione tibetana viene negata (totalmente sino al 1980, parzialmente oggi) la pratica del Buddhismo (come del resto il Bön, l'antica religione autoctona del Tibet) e gli viene imposto l'insegnamento della lingua cinese a scapito di quella tibetana. Mentre leggi questa pagina la tragedia tibetana continua:

 

Migliaia di tibetani sono in carcere spesso torturati barbaramente per semplici reati di opinione

 

Lingua, religione (della quale il regime vorrebbe cancellare l'influenza), storia e cultura sono negate o assurdamente falsate nei contenuti

 

Le donne di etnia tibetana subiscono continuamente un esecrabile controllo delle nascite patendo sterilizzazioni forzate e aborti, operati senza alcuna pietà anche in fase avanzata di gravidanza

 

Quello che risultava fino a pochi anni fa *ecosistema primario*, unico al mondo, è gravemente minacciato. L'ambiente già efferatamente saccheggiato è in serio pericolo: la imponente deforestazione (che ha fruttato agli invasori vari miliardi di dollari) provoca inondazioni sempre più frequenti e devastanti, si stanno estinguendo numerose specie animali ormai uniche nel pianeta e lo sfruttamento dei terreni sta provocando una preoccupante desertificazione di vaste aree

 

Malgrado il muro di silenzio eretto dalla Cina, sappiamo che in Tibet esistono molti siti di stoccaggio e di lancio di pericolose armi nucleari

 

La situazione economica è catastrofica: il livello di vita è tra i più bassi del mondo, tanto che ai coloni e ai soldati cinesi viene dato uno status privilegiato e grossi incentivi economici

 

Il trasferimento massiccio e ininterrotto di coloni cinesi riduce i tibetani ad essere sempre più minoranza nel proprio paese.

 

S.S. il XIV Dalai Lama ci ha detto ultimamente durante un incontro avvenuto nella Sede dell'Associazione Itali-Tibet: «L'unica arma che abbiamo è la Verità, vi chiedo di aiutarci a diffonderla, poichè quando la Verità è in pericolo, è in pericolo l'uomo stesso ed il mondo intero»

 

Nel nostro sito (voce del menù: a sostegno del Tibet) i progetti dell'Associazione Virtù Generose a sostegno della popolazione tibetana profuga in India

 

Tibet una tragedia dimenticata articolo sul Tibet storia vicissitudini del Tibet

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email