Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Gruppi preghiera

Incomunicabilità in famiglia crisi di valori

Incomunicabilità in famiglia crisi di valori cancro e Alzheimer

Le Guide Angeliche dettano a Lidia al Gruppo di preghiera Amore e guarigione di Catania

24.04.2012

Vi saluto, fratelli diletti. Anche questa sera, per questo incontro, sono presenti tutti i Fratelli della Comunità di cui faccio parte e ne sono il portavoce, il portavoce del loro pensiero.

Affronteremo con voi alcuni temi che sono essenziali per la vostra vita e che tanta preoccupazione, a volte, e tanto sconforto apportano alle vostre giornate.

Il primo tema riguarda l'incomunicabilità che esiste nelle famiglie, fra i vari membri e, spesso, anche nelle relazioni di amicizia; sono questi dei settori, forse gli unici settori, che possono più facilmente produrre e accrescere la gioia di vivere.

Tuttavia, ci accorgiamo di come in molte famiglie della terra non ci si preoccupi di impegnarsi a che le relazioni tra i vari membri siano facilitate, siano scorrevoli. Anzi, spesso, piuttosto che parlare e comunicare ci si chiude nel silenzio, cosa che - a volte - è peggiore della lotta verbale.

I genitori, quando sono entrambi presenti - e non sempre questo succede – disconoscono, ormai, il loro ruolo; hanno ceduto, per amore della pace personale, la loro supremazia come capi di famiglia. Pertanto i figli, non trovando un valido sostegno, un punto di riferimento importante nella figura di un padre o di una madre si sentono spesso alla deriva e sono, così, preda degli allettamenti distorti  - nocivi per la stessa vita  -  che il gruppo giovanile propone.

In tal modo, si verificano tanti casi di disadattamento che conducono alla  droga, ai tanti mali terribili che affliggono questa umanità, senza che si trovi il rimedio efficace per debellarli.

Siamo molto preoccupati per questo andazzo e la crisi economica che voi state vivendo sulle vostre spalle si innesta sicuramente per contenere questi mali dilaganti. Il pensiero nuovo che si sta formando e che può sembrare a prima vista, di primo acchito, negativo - per l'impoverimento che crea, che produce agli esseri umani di questa società - tuttavia serve per tirar fuori - dopo che sono stati impantanati - i veri valori dell'esistenza e, di conseguenza, l'apprezzamento reale della vita.

Fratelli miei, tutto serve e tutto è convogliato nel Piano di Dio e sempre e soltanto per il vostro bene.

La comprensione di questi avvenimenti così demoralizzanti, così critici per la massa della gente, comporta, invece, l'accettazione serena, l'accettazione consapevole di un Disegno che va al di là del piccolo disegno umano, cioè il Disegno divino. Anche chi si toglie la vita, perché non riesce più ad andare avanti nel suo lavoro, purtroppo, non ha capito che c'è sempre una soluzione, c'è sempre un’alternativa a tutto; e la vita resta un bene così grande, così prezioso che bisogna conservarla a tutti costi.

La disperazione, a volte, allontana da Dio l'essere umano ma non è l'amore di Dio che si allontana dall’uomo bensì l’uomo da Dio. Bisogna sempre trovare, a tutti i costi, i rimedi e le soluzioni per superare l'impasse dell'esistenza, tutte le varie crisi esistenziali, economiche. Dove si trovano le risorse per affrontare questi momenti critici? – voi vi chiedete. Nella forza interiore del vostro spirito e nella fiducia che mai deve allontanarsi da voi, nella fiducia di un futuro molto più roseo, un futuro a misura d'uomo. Questo momento di travaglio, il travaglio di un parto doloroso che sembra mai debba aver fine, è sempre presente nella storia. Però  prima bisogna toccare il fondo, bisogna riscoprire ciò che non si apprezzava prima, quando si era contornati da mille cose, da un benessere sempre fiorente. Eppure c'era sempre chi si sentiva  -  e continua a sentirsi - ugualmente infelice.

È vero, gli uomini per apprezzare la gioia devono conoscere il dolore, per apprezzare la salute, devono avere avuto l'impatto con la malattia e averla superata. Questa povertà che aleggia nella vostra vita, che in ogni luogo e in ogni settore viene comunicata e rafforzata dai mass media, può essere sconfitta, può essere superata dal pensiero positivo e dalla ricerca di un benessere che sta - non solo fuori di voi - ma anche dentro di voi. L'uomo che non ha soldi o che ne ha pochi, che deve mettere da parte la macchina, che non può farsi un viaggio, la vacanza, si sente povero e defraudato di un suo diritto. Questo uomo non ha mai considerato il fatto che tantissimi suoi fratelli, viventi su questa Terra, hanno mancato e mancano del necessario per sopravvivere, per sostentarsi.

Vedete quanta disparità, quanta disuguaglianza deve essere superata anche dalle prove importanti che la vita vi mette davanti! È in questi momenti così perigliosi, così critici che l'uomo dovrebbe chiedersi quanto benessere, che ad altri manca, c’è attorno a sé e, quindi, deve accontentarsi e accettare anche qualche privazione.

Qualcuno pensa che il mondo è andato sempre così, con ricchezze smodate e con molti poveri e indigenti. Ebbene ora è il momento, è arrivato il momento del grande passo in avanti che la Terra tutta e i suoi abitanti farà. Quella trasformazione energetica che vi farà entrare in un'altra dimensione viene pagata anche con un prezzo importante. Ciò che appare un danno, un’apparente regressione, alla fine è una crescita, è un avanzamento; e se cresce il pensiero cresce anche l'amore, cresce anche il benessere, il benessere collettivo.

Quante cose stanno venendo alla luce, fatti che si sospettavano ma non si prendevano in considerazione, di arricchimenti illeciti, di sprechi paradossali. Ebbene, tutto questo avviene perché si formi – veramente - quella coscienza, la coscienza collettiva che vi fa essere giusti, che vi fa essere equilibrati, che vi fa essere equi.

Noi guardiamo alla vostra Terra e agli avvenimenti in essa, nell'ottica migliore, nell'ottica del ben pensante, del saggio; la stessa ottica che dovreste adottare pure voi.

Non si va avanti, non si esce dal tunnel piangendosi addosso e ripetendo ogni giorno che tutto va male, che tutto va a catafascio!

Ricordatevi, fratelli, che siete voi i creatori della vostra realtà, creatori e distruttori; ma si può sempre risalire la china perché le potenzialità insite in ogni creatura sono immense e la vita vi offre tante risorse.

Si può superare la distruzione, l'annichilimento di una guerra, la distruzione totale! Perché, allora, non si può superare anche una crisi economica, con altrettanta forza e volontà?

E, dunque, datevi da fare, instillate nei giovani la voglia di rimboccarsi le maniche per costruirsi un lavoro, anche ideato, progettato come nuovo ma, soprattutto voi adulti, voi esseri di un'altra generazione, trasferite l'immagine positiva di voi stessi: di chi è pronto a tutto e capace di sopportare tutto perché  la generazione che vi ha preceduto ha affrontato disagi anche maggiori e ha provveduto a trasmettere a voi figli una sicurezza interiore che purtroppo i giovani di oggi non hanno.

La vostra tranquillità interiore con cui affrontate anche le rinunzie e i disagi della quotidianità  è un insegnamento importante.

Sono venuto anche ad esaudire e a rispondere ai vostri interrogativi, alle domande che mi volete indirizzare.

Se volete, chiedete fratelli, io sono qui per voi.

Domanda

M.C. chiede se rientra nel Piano divino l’idea dell’Associazione di svolgere attività formativa nell'ambito della medicina del Sé a scopo di sussistenza per Silvestro, Sara e se stessa.

R: In altre occasioni abbiamo parlato di questa medicina di cui, sorella, ti stai occupando con molto impegno e, in essa, metti tutto il cuore e non solo la mente.

È importantissima perché la medicina del futuro deve essere integrata da queste vostre conoscenze, visto che si fanno delle scoperte continue sull’essere umano, sul corpo umano, sulle attività del DNA - e ancora c'è molto da scoprire.     Quindi la vostra presenza, anche a fianco della medicina ufficiale, è importantissima e non va disgiunta; anzi, le due medicine dovrebbero andare di pari passo.

Questo aspetto che si è finora trascurato e le disfunzioni che ne derivano, cioè la cura del corpo nella sua interezza, porta ad un benessere sociale, ad un benessere allargato; e poi c'è di più: il pensiero rivolto sempre a curare la malattia col farmaco è qualcosa che deve essere superato. La medicina alternativa, la medicina naturale, la medicina del Sé - come dici tu - è qualcosa che noi approviamo, appoggiamo e proponiamo. Quindi stai tranquilla che avrà un futuro. 

Altra domanda

Potete dirci qualcosa sulle radici spirituali del cancro e dell’Alzheimer?

R: Tu sai che queste malattie sono di origine karmica. A volte si inserisce nel programma incarnativo questa possibilità, che è solo una possibilità, ma esiste anche un'alternativa perché sai che il karma permette anche di optare, di poter scegliere.

Nei riguardi del cancro si è visto come tante forme tumorali siano state – man mano - debellate definitivamente non solo dalla medicina ma anche dall'impegno operato dalla stessa persona malata, impegno a guarire, impegno a risanarsi. Il potere immunitario è influenzato da una miriade di fattori fra i quali la non accettazione di se stessi. La mancanza di fiducia in se stessi e il non amore per se stessi riducono il grande potere immunitario che preserva da infinite forme di malattie, soprattutto dal cancro.

Per quanto concerne l’Alzheimer anche questo malanno riguarda una fascia di persone che in un determinato periodo storico hanno dovuto affrontare, in altre vite, in altre esistenze, dei disagi che non hanno voluto accettare: disagi economici, disagi familiari, disagi veramente notevoli. Questa non accettazione della loro vita ha lasciato - poi - qualcosa in sospeso, un sospeso che si è ripresentato con una sofferenza psichica notevolissima. Però - tuttavia - anche questo aspetto della malattia, dell'Alzheimer, deve essere considerato nella sua interezza. Cioè a dire: se da un canto l'essere umano, afflitto da Alzheimer, ha delle sofferenze interiori, psichiche, c'è chi provvede a sostentarlo, a sostenerlo, chi si occupa di lui, dedicando amore, attenzione - quando questo è possibile. Ê un carico, un dovere anche per la società, nell’ambito di quello scambio di amore e di dedizione che ci deve essere tra uomo e uomo.

Anche l'Alzheimer tu sai che potrà essere debellato man mano che le conoscenze mediche, le conoscenze del corpo umano andranno avanti. Così sarà debellata anche questa malattia.

Non guardate a queste anomalie come a un castigo divino ma piuttosto come un aiuto che viene dall'Alto per cominciare a riflettere, per usare maggiore considerazione su tutti i fatti della vita, anche su queste malattie. A volte la considerazione e la riflessione mancano e si prende tutto come un peso, come una disgrazia. E invece non lo è.

Vi invito,  dunque, fratelli, alla giusta riflessione.

Addio.

 

 

Incomunicabilità in famiglia crisi di valori cancro e Alzheimer

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email