Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Gruppi preghiera

DIO La Giustizia di Dio Amore

DIO La Giustizia di Dio Amore Comprensione e Saggezza o Giustiziere?

Le Guide Angeliche dettano a Lidia al Gruppo di preghiera Amore e guarigione di Catania

03.07.2012

Fratelli diletti, sono con voi. Accostandoci alle vostre persone sentiamo il turbinio della vostra mente e il tumulto del vostro cuore.

Così assillati, così preoccupati per la pesantezza della vita spesso non date spazio all'affacciarsi, anzi alla presenza costante della Luce divina che – pure - è sempre compagna vostra e può dare sollievo e colore alle vostre giornate.

Spesso l'uomo, nostro fratello, vive le sue giornate - tutto preso dal tran tran quotidiano - relegando ad altri momenti un pensiero verso il Creatore, una preghiera di avvicinamento, di compenetrazione con l'Essenza divina. C'è addirittura chi ne nega l'esistenza e nell'aridità del suo vivere teme con terrore il momento della morte quando dovrà fare i conti con la propria coscienza, nel resoconto del curriculum della sua vita. Ma Dio è presente in ogni momento della nostra giornata, della vostra giornata; è un compagno fedele, presente in ogni vostra azione, anche la più terribile, la più riprovevole; ma è un compagno che non interagisce, che non blocca la mano del fratello che uccide l'altro fratello.

Il libero arbitrio che ci è stato dato, che ci è stato concesso, fa di noi tutti esseri responsabili, responsabili in prima persona delle nostre azioni ma ci dà anche la possibilità, attraverso quel grado di consapevolezza raggiunto, di valutare tutte le nostre azioni in seno al cosiddetto bene e al cosiddetto male, con una libertà di visione non condizionata da pregiudizi o da falsi valori. Cosicché, da una visione così libera e aperta, possiamo comprendere cosa c'è da modificare e cosa non bisogna ripetere nelle successive esistenze.

Pertanto, colui che valuta il nostro agire, che lo considera giusto o ingiusto - ma sempre nei confronti del nostro prossimo, dei nostri fratelli - è sempre e soltanto la nostra coscienza. La giustizia di Dio ci è stata data in delega; quindi, è inverosimile considerare giustiziere un Creatore che è pieno d'amore, che è tutto comprensione, che è tutto saggezza.

Questo aspetto di Dio giustiziere che qualcuno ha ancora dentro di sé, che assiso su un seggio regale amministra la giustizia mandando all'inferno i peccatori e premiando col paradiso i giusti è fuori dalla nostra verità e penso che anche voi, fratelli, avete modificato questo assurdo aspetto del nostro Creatore.

Questo aspetto umano di Dio è stato creato soltanto dall'uomo ma Dio è una grande energia, energia purissima, energia di luce, energia di amore incontaminato, incondizionato!

Ognuno di noi, fratelli, è una scintilla di questa energia e porta con sé tutti i gli elementi costitutivi del suo Creatore, della Fonte prima; ma molte scintille di luce hanno perso il loro splendore, anzi presumono di aver perso lo splendore e di essere cadute nella tenebra delle varie dimensioni. Con questo convincimento si sono impegnate a riacquistare luce e potere attraverso molte esperienze incarnative, con dolore e sofferenze, ma sempre con la gioia interiore, la spinta interiore di ritornare a Dio, di ritornare nella Luce.

Da questa illusione che in fondo – poi - è un'illusione non è facile liberarsi ma siccome neanche Dio può violentare una creatura, tale illusione rimane e può tornare utile per il curriculum spirituale di ogni creatura.

Se lo spirito è convinto di essere lontano da Dio, dovrà ritrovare da solo la strada del ritorno, da solo nel senso autonomo ma con l'aiuto di tanti altri fratelli che sono già arrivati - prima di lui - in questo percorso a senso unico. Questi fratelli di luce spianano il terreno nel cammino periglioso dell'esistenza incarnativa, non riducendo gli ostacoli, non sostituendosi nelle prove dolorose ma affiancando la creatura e sostenendola.

Anche il dolore più grande può diventare accettabile! Come fate voi uomini nei momenti di disgrazia, nei momenti di lutto sentendovi vicini fisicamente e spiritualmente ai vostri fratelli che hanno un grande dolore, anche noi, dal nostro piano di esistenza, continuiamo questa opera di affiancamento e di sostegno non solo nei dolori della vita ma anche nei momenti di gioia perché condividiamo la vostra stessa gioia, la vostra stessa felicità. La simbiosi dei nostri spiriti fa sì che questo evento si verifichi continuamente, senza alcuno sforzo da parte nostra. Noi viviamo nell'amore, siamo imbibiti di amore, respiriamo amore e quindi non possiamo darvi altro che amore e luce assieme alla nostra saggezza; quella saggezza che viene fuori dalle tante esperienze nella carne e fuori della carne e che ci viene donata, trasmessa, irradiata dalla stessa Intelligenza divina. Cosicché come cresce l’amore cresce anche la saggezza e l'intelligenza.

Senza saggezza, il vostro mondo andrebbe a rotoli, le guerre fratricide sarebbero all'ordine del giorno anche per banali motivi; se non intervenisse la saggezza a guidare le azioni degli uomini, la vostra Terra - in un baleno - potrebbe essere distrutta da una guerra atomica. La saggezza dei nostri fratelli umani viene continuamente stimolata dalla nostra presenza perché noi ci auguriamo, vogliamo, desideriamo che l'uomo sia felice, che viva in pace, in prosperità. Queste parole potrebbero essere vuote di contenuto se non diventassero compiute nel quotidiano e in tutto il mondo intero; ma ancora le difficoltà sono presenti, infinite difficoltà risiedono soprattutto nelle riserve della mente umana di molti nostri fratelli che si sentono migliori, superiori agli altri, che vogliono detenere il potere e la ricchezza a discapito di molta povertà, di molta miseria!

Anche questi fratelli che noi non approviamo per il loro operato, anche questi sono nostri fratelli e speriamo che, prima o poi, sentano le nostre parole, le recepiscano e le mettano in atto ma come sempre occorre del tempo. Nella vostra dimensione il tempo è un fattore predominante, è un fattore consistente e vincolante.

Quando noi parliamo di un mondo migliore, di una trasformazione epocale è perché sappiamo che i tempi sono maturi perché già ne parlavamo oltre cinquant'anni fa e forse anche più.

Anche la venuta del Cristo su questo mondo era stata profetizzata ma è passato tanto tempo perché Egli nascesse nella vostra dimora terrestre col Suo corpo fisico e sono dovuti passare molti anni prima che si compisse il suo ciclo.

Questo per dirvi, fratelli, che noi abbiamo una visione molto allargata sul divenire del mondo, del vostro mondo e perciò siamo certi che i cambiamenti sono già in atto e prolificano in maniera esponenziale da un giorno all'altro. Voi, uomini che mi ascoltate, sentitevi anime benedette e predilette del vostro Creatore perché vedrete realizzato questo Paradiso in Terra, questo miglioramento epocale dell'umanità; potrete trasmetterlo ai vostri nipoti perché l'avete atteso, l'avete fatto vostro e avete creduto nelle parole dei vostri fratelli di luce.

Dunque - di fronte a una gioia così grande, dinanzi ad una esperienza di questa portata - ogni dolore della vita diventa di poco conto, ogni problema esistenziale o relazionale è qualcosa che non può portarvi via la gioia di vivere, la gioia di affacciarvi su un altro orizzonte. Le malattie corporee sono da considerare ancora come residui di un passato non certo sereno, un passato in cui le emozioni avevano sempre il sopravvento; i risentimenti, i rancori dettavano legge nella vostra vita e soprattutto le aspettative deluse hanno avuto un ruolo determinante nel creare malanni, disfunzioni, squilibri.

Dimenticate tutto questo, cancellatelo dai vostri ricordi e riempite la vostra mente, il vostro cuore nell'attesa di questo giorno magnifico che verrà!

Immaginate cosa significa sentire parlare un fratello e capire nettamente che dice la verità; guardare negli occhi  un vostro amico e percepirne l'amore, la comprensione; anche senza parole, sentirvi rispettati e amati come non lo siete mai stati, ma senza alcuna aspettativa perché tutto avverrà in un dare e avere reciproco  e spontaneo.

Cosa c'è che abbia più valore di quanto vi prospettiamo? Non sarà certo la ricchezza, la gloria, il potere!

Anche quei fratelli che invidiate, che vi appaiono potenti, che vi appaiono invincibili, che hanno potere e ricchezza, anche loro hanno le loro sofferenze interiori; il loro malcontento proviene da uno spirito inappagato, uno spirito non riconosciuto, non ascoltato.

Quando si soddisfa solamente il corpo e la mente c'è sempre qualcosa che manca, a cui non viene dato il giusto  nutrimento!

Fratelli miei, la preghiera è importante! Anche se vi limitate a rivolgervi al nostro Creatore col solo pensiero, è già tanto; ma la preghiera deve essere una presenza continua di Dio nella vostra vita! Quando mangiate, quando dormite, quando lavorate, quando siete tristi o quando siete felici!

Mi fermo per darvi la possibilità di formulare qualche domanda, qualche quesito a cui daremo ben volentieri una risposta. 

Ora attiviamo la luce come fonte energetica di benessere per i vostri corpi facendola scendere su questa casa, sulle vostre persone, perché vi dia la serenità dell'animo, la forza per affrontare la vita, tutte le circostanze della vita, l'intuizione giusta per trovare soluzioni ai vostri problemi e soprattutto l'accettazione serena di quei fatti, di quegli avvenimenti che non possono - in nessun modo - essere cambiati; e sempre per un motivo karmico.

Siate felici, fratelli, e in pace con voi stessi e con gli altri. 

Addio.

 

 

DIO La Giustizia di Dio Amore Comprensione e Saggezza o Giustiziere?

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email