Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Umanità

Aggressività Paura E Senso Di Oppressione Aggressività E Autonomia

Aggressività Paura E Senso Di Oppressione Aggressività E Autonomia
 
Mie care sorelle e miei cari fratelli, continuiamo oggi a parlare dei vostri rapporti con i fratelli che stanno crescendo e con voi, miei cari, che state seguendo con attenzione i nostri messaggi d'Amore.
 
Oggi vorremmo parlarvi dell'aggressività che i vostri fratelli meno evoluti mettono nei loro comportamenti, nelle loro azioni e anche nelle loro proprie parole.
 
Lo so che e' difficile restare calmi, riflettere, mettere compassione, trovare altre strade per comunicare quando un fratello attacca con aggressività, con violenza; oggi vorremmo parlare proprio di aggressività per darvi nuove conoscenze, nuove modalita' di comprensione che possono portare a nuove modalita' di azione vostra e degli altri vostri fratelli e sorelle.
 
Dunque, l'aggressività nasce sempre da una pressione che l'individuo sente nascere dentro di se' e dalla quale, quando e' molto intensa, avverte il pericolo di essere sopraffatto.
 
Questo meccanismo porta il fratello ad attaccare fuori di se' quello che considera l'attore di questa pressione che avverte in se' con l'intento di liberare se stesso dal senso di oppressione che avverte al suo interno.
 
E' giusto fratelli questo tentativo di portare all'esterno questo sentimento di oppressione se l'esterno e' proprio la causa di questa oppressione.
 
Pensate, come esempio, al bambino che reagisce con rabbia quando i genitori litigano tra loro; spesso il bambino getta questo senso di oppressione sui genitori cominciando a piangere, a pestare i piedi, a prendere a calcetti il genitore che sta litigando e questo tentativo serve ad interrompere, richiamando su di se' l'attenzione, questo conflitto che tanto spaventa il bambino.
 
Potrei anche spiegare questa stessa situazione dicendo che il bambino portando all'esterno la sua aggressività manifesta la sua stessa aggressività, ma fratelli nella verita', questo bambino sta solo reagendo all'aggressività dei genitori e vuole solamente liberare se stesso dalla paura e dal senso di oppressione che sta provando dentro se stesso.
 
Questo esempio che se volete e' possibile applicare in tante situazioni diverse mette in evidenza che c'e' una fonte principale da cui scaturisce l'aggressività e c'e' una fonte secondaria che reagisce all'aggressività con un comportamento che contiene non solo aggressività ma soprattutto senso di oppressione e di annullamento del proprio corpo, della propria autonomia.
 
Questo e' il problema piu' importante durante questi attacchi di aggressività: si perde il senso della propria autonomia.
 
Ma cos'e' questo senso di autonomia?
 
Il senso di autonomia e' quello che ci definisce come persone, e' l'insieme di tutte le esperienze, di tutti i nostri aspetti caratteriali, di tutti i nostri affetti, di tutte le nostre azioni, pensieri, emozioni, di tutte le nostre conoscenze, di tutta la nostra storia, di tutte le nostre convinzioni su noi stessi e sui nostri rapporti con gli altri fratelli tutti.
 
Questa negazione di tutti questi aspetti di noi stessi e' cio' che causa il senso di oppressione che noi vogliamo buttare all'esterno per liberare noi stessi da una definizione che non ci appartiene proprio.
 
E' questa l'oppressione che provoca la nostra propria aggressività, la definizione che non riconosciamo di noi stessi.
 
Questo e' il problema: la definizione di noi stessi e questa altra definizione che ci giunge da altri fratelli.
 
Non ci sono altri motivi per cui puo' scattare l'aggressività se non una definizione diversa di noi stessi.
 
Siete d'accordo?
 
Ripensate un attimo a tutte le esperienze di reazione all'aggressività che hanno mosso la vostra propria aggressività.
 
Riprendiamo da questa nuova consapevolezza il discorso sull'aggressività.
 
Ognuno di voi, sulla base della sua propria esperienza, ha maturato un concetto sulla sua propria autonomia, un concetto su di se', questa e' esperienza di ognuno di voi.
 
Per motivi particolari un vostro fratello definisce il vostro senso di autonomia diverso da quello che voi avete definito con voi stessi e proprio in questo scontro la vostra aggressività si mobilita nel tentativo di ridefinire voi stessi proprio sulla base della vostra precedente auto-definizione.
 
Questo e' quello che fate: ridefinire la vostra propria definizione a voi stessi e all'altro e in questo conflitto tra esseri umani viene messa l'aggressività per sottolineare il disagio di un'altra definizione di noi stessi.
 
Anche il nostro piccolo bambino che pestava i suoi piedini, vuole non sentirsi responsabile delle discussioni tra i suoi propri genitori che prendono a pretesto un suo proprio comportamento per definire il senso e il campo della propria autonomia.
 
Per liberarsi da questo senso di oppressione per il contributo che gli viene attribuito da uno o entrambi i genitori, ecco che pesta i suoi piedini e mette aggressività per ridefinire la propria definizione rispetto ai propri genitori che lo vogliono colpevole di questo o di quello.
 
Il conflitto spesso si risolve con una nuova definizione di se stessi o, dopo le spiegazioni, con una riconferma delle proprie definizioni e del proprio senso di autonomia.
 
Ma alle volte nei vostri propri conflitti non c'e' questo riconoscimento del senso di autonomia dell'altra persona, non c'e' confronto tra le vostre definizioni e di altri vostri fratelli, non c'e' una definizione messa in dubbio, non c'e' voglia di comprendere o di aiutare a darsi una definizione diversa e a volte molto piu' reale di se stessi, alle volte miei fratelli, i fratelli vostri vi attaccano per motivi propri alla loro definizione di se stessi.
 
L'egoista attacca la vostra definizione di persone oneste e generose perche' invidia questa vostra definizione di voi stessi e del vostro senso di autonomia.
 
Le persone venali fanno lo stesso.
 
Le persone ingiuste nel senso che mettono i loro interessi egoistici al primo posto delle loro vite, fanno lo stesso.
 
Le persone che non hanno il senso dell'aiuto ai fratelli, fanno lo stesso.
 
E qui potremmo continuare per ore questo elenco, ma quello che e' piu' importante anche per aiutare questi vostri fratelli e' portarli a riflettere che ogni propria definizione di se stessi puo' essere cambiata modificando i propri valori, i propri pensieri, i propri concetti su questa esistenza, su questa loro vita, su questi propri concetti che si invidiano nell'altro e che possono essere abbracciati e diventare i propri, in qualunque momento uno lo desideri e lo scelga per la propria vita e questi concetti potrebbero portare a una nuova definizione della propria identita', del proprio senso di autonomia.
 
Alle volte ci capitano anche queste situazioni, quello che e' importante e' riconoscere l'invidia come la causa di questi attacchi alla nostra definizione. Questo e' il nostro aiuto anche alla nostra amica Sara Luce che in questi giorni e' stata proprio attaccata dall'invidia di una persona, quest'invidia e' la causa per quel fratello, nient'altro che invidia e da parte nostra capiamo perfettamente perche' ti invidia, sapessi come vorrebbe essere cosi' sereno come ti percepisce, essere cosi' sicuro come ti percepisce, essere cosi' amorevole come ti percepisce, essere cosi' coerente come ti percepisce, vedi piccola Sara Luce quanti sono i motivi per cui ti invidia? Questa e' la soluzione a quanto e' successo e questo il nostro aiuto per capirlo.
 
Scusate se abbiamo dedicato un po' di spazio alla nostra amica Sara, non e' sempre possibile essere evoluti e non subire attacchi e questa stessa esperienza e' comune anche a molti di voi e allora ricordate che queste parole alla Sara sono le stesse che riguardano certi conflitti anche nei vostri propri confronti.
 
Questo lunghissimo messaggio anche per oggi termina qui.
 
Vi saluto con tutto l'Amore che provo dal mio cuore verso ognuno di voi fratelli amati e sorelle amate. Vi bacio forte forte.
 
Il vostro fratello Gesu' sempre sempre accanto ad ognuno di voi per aiutarvi a comprendere e ad aiutarvi a crescere sulla strada dell'Amore.
 
Messaggio dettato il 04.07.2004
 
Titolo Aggressività Paura E Senso Di Oppressione Aggressività E Autonomia
 
 

Stampa Email