Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

Il pensiero crea come l'azione

Il pensiero crea come l'azione e le parole

 

Il pensiero crea come l'azione

 

Ero in una macchina con la mia famiglia, viaggiavamo quando all'improvviso ci fu tanta confusione, la macchina faceva un rumore incredibile, i miei fratelli che erano sui sedili posteriori saltavano dentro la macchina .... si era staccata una ruota, stavamo per precipitare da quella strada in montagna ..... momenti in cui non capii nulla poi sentii al mio fianco una voce maschile e confortante dire più volte lentamente "Va tutto bene".

 

Sorprendentemente, visti gli eventi, mi sentivo immersa in una pace assoluta, non sentivo timore .... mentre la macchina si ribaltava, la voce diceva con calma "Rotola con lei" come se fosse un esercizio di ginnastica e sentendomi nella pace assoluta, mi sono lasciata rotolare.

 

Percepivo questa voce nella testa, ma non ero io; era una voce molto forte, sicura, confortante, non la conoscevo quella voce, ma entrava così profondamente in me da farmi sentire di potermi fidare con tutto il cuore. Poi improvvisamente, mentre rotolavamo, non ero più in macchina.

 

Provavo un'emozione di completa fiducia, mi sentivo circondata dallo spazio e ho cominciato a vedere la mia vita svolgersi in milioni di immagini.

 

Ogni immagine, ogni momento della mia vita, era come un immagine incorniciata, stavo guardando milioni di immagini degli eventi della mia vita, come un filmato di immagini in cornice .... tutte le piccole azioni, pensieri e momenti, anche quelli che avevo dimenticato, erano tutti lì .... era così affascinante ... la cosa più curiosa era che le immagini non erano collegate tra loro, non erano in sequenza temporale e avevano uno spazio tra loro, sembrava una stringa di luce.

 

I sentimenti principali che provavo nel vedere quelle immagini erano serenità, paura, curiosità; provavo una grande voglia di scoprire, provavo una grande curiosità mentre stavo esaminando tutte queste immagini; ogni volta che mi veniva una domanda, la risposta veniva immediatamente rivelata.

 

Questo sequenza di immagini progredì continuamente, presentando una costante linea delicata e conseguente, in ordine perfetto, una catena di eventi, ma in qualche modo erano tutti accaduti contemporaneamente; passato, presente e futuro stavano tutti accadendo contemporaneamente; era come se ci fosse un principio ispiratore e tutte queste piccole immagini disegnavano insieme il tema di questo grande quadro.

 

Provavo molta compassione, sentivo che tutto mi era stato perdonato, in realtà non c'era niente da perdonare, la mia vita aveva avuto un "ordine perfetto". In qualche modo era come guardare un'equazione matematica, o una somma, che ha un senso perfetto: tale evento e tale evento creano questo tipo di risultato. Era una semplice equazione di causa e effetto naturale, con una dolce comprensione; non c'era giudizio, solo innocenza.

 

Mentre stavo osservando questo sviluppo lineare delle immagini, mi resi conto che solo guardando e concentrandosi su un quadro specifico, "ingrandendo" su di essa, potevo anche entrare in quella scena e poi tornare indietro e tornare nel mio luogo di osservazione.

 

Tornai alla mia infanzia, potei entrare nelle immagini, potei anche vedere tutti i pensieri che avevo avuto durante tutta la mia vita ... le foto dei pensieri erano forti come quelle che rappresentavano l'azione o le parole ... sono rimasta sorpresa nel vedere come i nostri pensieri sono così forti, così reali, da creare un'impronta .... il pensiero crea come l'azione o le parole .... mi sono resa conto che tutto ciò che è successo a me e ogni singolo pensiero che ho avuto, ha creato una impronta .... ogni singolo evento o pensiero ha influenzato la mia vita e la vita di coloro che mi circondano .... ogni sentimento, ogni intenzione ... tutto conta.

 

Ho potuto vedere come l'ultimo momento della mia vita fosse il risultato di tutto quello che mi era successo prima, ho potuto vedere che la mia vita era una perfetta manifestazione di quello che ero, di chi ero ... c'era in me una completa accettazione anche di quei momenti che mi ricordavo meno piacevoli .... .

 

Poi dopo l'accettazione completa, dopo la scoperta di come ognuno di noi sia connesso agli altri, di come ognuno di noi influenzi e sia influenzato dagli altri, di come ognuno di noi aprendosi ha la possibilità di riconnettersi alla Luce, alla Fonte, vidi come nei momenti di apertura riusciamo a connetterci con la Fonte ... poi sentii un forte emozione di movimento in avanti, una spinta ad andare oltre.

 

Non c'era niente intorno a me, solo lo spazio, ho cercato di capire dove fossi, mi sentivo molto lucida, mi sentivo felice e leggera, ero in un altro regno ed ero viva ma non avevo il mio corpo, ma ero felice solo per il fatto che c'ero, che esistevo .... l'ultima immagine di me che avevo visto era di me dentro la macchina che si stava ribaltando giù dalla montagna quindi ne avevo concluso che quello doveva essere il mio ultimo momento: vittima di un incidente mortale.

 

Ora avevo capito che c'è la vita dopo la morte, ero morta, avevo lasciato il mio corpo e ancora esistevo e mi sono trovata a riflettere su come la transizione tra la vita e la morte sia molto liscia e calma e mi è sembrato ben chiaro che la morte è la continuazione della vita e non l'opposto.

 

Stavo per andare, mi sentivo emozionata come un bambino, curiosa di vedere cosa sarebbe successo, ora guardavo tutto con occhi nuovi.

 

Mi sono sentita emergere come da un vuoto, come dall'oscurità, avevo una velocità immensa, non avevo corpo, ma il mio spirito aveva occhi ... intorno a me era un paesaggio come la terra, pensavo, c'erano alberi e rocce, eravamo su una montagna, ma tutto era immerso nella Luce.

 

La Luce era tutto, tutto ciò di cui potevo aver bisogno, tutto quello che mi serviva, tutto era in questa luce, era calda, aveva una qualità immensa e nutriente, era puro, immenso, potente amore incondizionato, sapevo che avrei potuto fidarmi sempre di questa Luce.

 

Ora ero consapevole che mi veniva offerta una scelta e ho scelto di riemergere da questa Luce per scegliere qualcosa di diverso per me in questa vita

 

Il ricordo successivo che ho è che vidi il mio corpo sdraiato per terra e mi sentivo come se fossi entrata, ero tornata in vita, ho capito che in qualche modo ero tornata nella vita.

 

Non riuscivo a respirare poi la voce che era con me all'inizio della mia esperienza è venuto di nuovo e ha detto "Contrai il tuo diaframma" ... l'ho fatto con forza e così ho iniziato a respirare ... poi ho cominciato a risentire i miei sensi .... avevo un terribile gusto in bocca come sporco e c'era un odore orribile nell'aria che era piena di benzina e di fumo.

 

Nell'ora successiva tante cose sono successe e ora sono qui a raccontarvi la mia esperienza.

 

Il pensiero crea come l'azione e le parole è il racconto di Romina

 

 

 

Il pensiero crea come l'azione e le parole

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email