Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

La presenza di Dio nella nostra vita nde

La presenza di Dio nella nostra vita nde esperienze

 

La presenza di Dio nella nostra vita nde

 

Avevo quattordici anni, quasi quindici anni, e stavo sperimentando droghe; in questa occasione avevo preso due o tre diversi tipi di farmaci, in realtà farmaci da prescrizione, ottenuti illegalmente; non ricordo i nomi di questi farmaci, ho ingoiato diverse pillole innaffiando il tutto con una quantità piuttosto grande di whisky ... non stavo tentando di suicidarmi, stavo solo cercando di divertirmi :-)

 

Nel giro di un'ora o due dopo aver preso le pillole, mi resi conto che ero nei guai, che stavo male, come non lo ero mai stato prima .... ero dentro e fuori dalla coscienza e perdevo il controllo dei miei muscoli ... sentivo il cuore che batteva in modo irregolare nel mio petto, a volte batteva molto lentamente, con un tonfo pesante e sembrava che poteva esplodere o piuttosto solo "staccarsi" e cadere nella mia pancia; altre volte il mio battito cardiaco era selvaggio e svolazzante e quando ero abbastanza consapevole per percepire queste palpitazioni, ero estremamente spaventato: ero certo che sarei morto.

 

I miei amici mi hanno portato a casa e mi hanno messo sul mio letto, entrambi i miei genitori erano al lavoro e nessuno era a casa; i miei amici non si rendevano conto di quanto mi sentissi male e ad ogni modo anche loro erano così aridi e mi hanno lasciato nel mio letto da solo.

 

Tutto ciò che ricordo prima dell'esperienza erano quelle che sembravano infinite ripetizioni delle terribili palpitazioni cardiache: il tonfo, il tonfo, il tonfo incredibilmente lento e pesante, seguito dal tremulo e irregolare svolazzare; per un paio di volte sono stato abbastanza consapevole dal pensare che avevo bisogno di cercare aiuto, ma non potevo muovermi, i miei muscoli si sentivano paralizzati.

 

Da qualche parte, sembrava nel profondo della mia mente, ero consapevole che stavo per morire e per un po' questo mi spaventò, poi poco a poco ho potuto sentire il mio cuore battere lentamente, incredibilmente lentamente, tunf, tunf ... sempre più tempo passava tra i battiti del cuore ed ero sicuro che sarei morto e, a questo punto, non avevo più paura.

 

Una pace incredibile ha riempito tutto il mio essere e ho iniziato a sentirmi molto caldo ..... ho sentito l'ultimo battito nel mio petto, un boom molto pesante, molto forte e poi ha smesso, ero certo che non avrebbe più battuto.

 

Immediatamente ero "lontano" dal mio corpo, dal mondo che conoscevo e in qualche modo mi muovevo o fluttuavo in un "vuoto" totalmente nero e senza luce; poi quasi immediatamente il "vuoto" sembrò "prendere forma" e sentii distintamente che aveva assunto forma e dimensioni come di un'enorme stanza o sala buia, una "stanza nera"; era enorme e io fluttuavo o mi libravo al suo interno anche se non riuscivo a capire se avessi o meno un controllo sul mio "volo".

 

Mi indirizzai verso un'apertura in un "muro" della Sala Nera .. a distanza potevo vedere che si trattava di un'apertura perché era di una tonalità leggermente più chiara di nero contro l'assoluta oscurità del "muro"; l'apertura era approssimativamente circolare, ma non era una forma stabile ... oscillava o ondeggiava come qualcosa di vivo o pieno di energia.

 

Mentre mi stavo muovendo nella Sala Nera verso l'apertura, mi sentivo tranquillo ma anche piuttosto apatico ... la mia apatia mi ha sconcertato notevolmente perché stavo vivendo un'esperienza così straordinaria eppure mi sentivo apatico ... ricordo molto bene questa perplessità ... è uno degli aspetti più vividi dell'intera esperienza.

 

Poi, all'improvviso, il mio volo è stato accelerato e sono stato rapidamente 'tirato dentro' attraverso l'apertura nel muro ... ricordo di essere entrato nell'apertura e di vederla muoversi e quasi "ballare", come qualcosa di vivo; ero in un tunnel o in una lunga sala o in un'arteria o in un tubo ... non c'è una giusta parola che descrive questo posto, ma ancora una volta, ho un vivido ricordo dell'esperienza.

 

Allora mi accorsi di essere, per la prima volta, "in piedi", per così dire (anche se non avevo un corpo!)... prima di questo avevo fluttuato o volato, ma ora ero sul "pavimento" della "sala" e guardavo verso la "fine lontana" di esso.

 

Bene, DIO era lì o più precisamente, un grande Fuoco o Luce che avrei dovuto comprendere "rappresentava" o "simboleggiava" Dio ma, in un certo senso, era anche davvero Dio ..... più che intellettualismo era cruda e nuda esperienza della presenza di Dio.

 

Non posso descrivere come ci si sente ... sono rimasto stupito, stupefatto, attonito, sopraffatto, ma niente di tutto questo dice veramente quanto è stata profonda questa esperienza. Dio era totalmente, assolutamente "oltre" qualsiasi cosa avessi mai immaginato ... oltre il linguaggio, oltre il pensiero, completamente oltre, ma allo stesso tempo vicino, davanti a me, misteriosamente "accessibile" :-) totale Amore, totale Bontà, totale Gentilezza, totale Benevolenza, totale Virtù, totale Conoscenza.

 

Bene, Dio mi ha "parlato" ... oh sì, l'ha fatto! ... non ha usato parole, ma ha parlato direttamente dalla sua mente alla mia mente ... e quello che "diceva" era così profondo, con così tante sfumature di significato, che non posso ripeterlo a parole, ma questo è il succo della cosa:

 

"Tu non conosci veramente te stesso, vero?"

 

La domanda di Dio era a un livello semplice, ma allo stesso tempo aveva anche altri significati, tipo "Non sai niente, vero?" .. e .. "Nessuno sa niente, vero?" ... ma qui non faceva solo riferimento alla conoscenza intellettuale ma anche all'amare, all'esistere, a come esistere e a come esistere nella piena e completa consapevolezza e accettazione che Dio è.

 

Quindi cosa potevo dire? dovevo solo ammettere che, no, non sapevo nulla.

 

Quindi, dovevo tornare indietro, Dio lo sapeva e io lo sapevo. Fine della discussione. Io ero deluso, pensavo di "andare" nella luce, ma ho dovuto girarmi e tornare indietro, cosa che ho fatto, doverosamente, ma purtroppo.

 

E ora sono qui, in questa esistenza, per amare, per donarmi, per imparare, per conoscere chi sono veramente e per fare cose che lui vuole che io faccia. Un dovere, non un'opzione.

 

La presenza di Dio nella nostra vita nde esperienze sono parole di Kris

 

 

 

La presenza di Dio nella nostra vita nde esperienze

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email