Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

Tra la vita e la morte frasi

Tra la vita e la morte frasi della mia esperienza

 

Tra la vita e la morte frasi

 

Mi svegliai verso le 5:00 del mattino dopo essermi addormentata sulla mia poltrona la sera prima (molto insolito); mi sono alzata e ho fatto uscire il mio cane ma mi sono resa conto che qualcosa non andava bene, anche se non provavo alcun dolore.

 

Mentre mi dirigevo verso il bagno ho preso il mio telefono e l'ho portato con me (cosa che non faccio mai) e quasi subito dopo essere entrata in bagno, sapevo che avrei perso conoscenza e con un grande sforzo ero in grado di chiamare i soccorsi e nel giro di pochi minuti, un poliziotto era in bagno con me, seguito da vigili del fuoco e paramedici. A quel punto, hanno iniziato a cercare di misurare i miei segni vitali, ma hanno detto che non erano in grado di rilevare né la pressione del sangue né la frequenza cardiaca ... io ero ancora nel mio corpo e andavo dentro e fuori dalla coscienza ma non mi consideravo morta.

 

Mi hanno spostata dal mio bagno su una barella e sull'ambulanza per il viaggio di venti minuti in ospedale. Quando mi caricarono sull'ambulanza chiesi dell'acqua ghiacciata e mi dissero che non ne avevano, quindi chiesi dell'acqua e di nuovo mi dissero che non ne avevano, ho detto loro che se non avessi potuto bere acqua sarei morta e sono morta.

 

Mi sono trovata nell'oscurità e poi sono riemersa e l'ambulanza .... era piena di luce, una luce intensa, brillante, che avrebbe potuto ferire i tuoi occhi, ma invece permetteva di vedere molto chiaramente, anche microscopici dettagli; i paramedici stavano lavorando furiosamente sul mio corpo e uno di loro stava urlando "Roby stai con noi, Roby!" ... ho trovato che fosse divertente pensare che il mio nome fosse Roby quando il mio nome è Roberta, ma ho anche pensato che fosse perfettamente ok, lui mi poteva chiamare come voleva!

 

Loro stavano lavorando così intensamente sul mio corpo, ma io ero nella pace totale, senza dolore, fluttuante, sicura, a mio agio e gioiosa ... la sensazione che provavo in quel momento va oltre le parole.

 

Poi mi resi conto di una voce calma, rilassante, amorevole che mi diceva che non era il mio momento, che avevo cose da fare che non erano state completate, ma che avrei avuto la possibilità di morire o di tornare alla mia vita.

 

E in quel momento è stato come se le mie capacità di sperimentare il tempo fossero accelerate, ci fu proprio un'accelerazione del tempo e insieme a questa voce che non riconoscevo né potevo nemmeno dire se era di uomo o donna, di uomo o Dio, mi trovai a rivedere tanti e tanti momenti della mia vita. Poi insieme abbiamo iniziato a guardare le cose lasciate incompiute.

 

Sono stata in grado di vedere che gli altri che dipendevano da me sarebbero stati a posto e mentre vivevo tutto questo, sullo sfondo, potevo sentire e vedere i paramedici che lavorano sul mio corpo ... stavano lavorando così duramente e non stavano ottenendo alcun risultato ... urlavano che ancora non riuscivano a prendere la mia frequenza cardiaca o la pressione del sangue e che non avevo risposto ai farmaci che avevano messo nel mio corpo. Mi sentivo male per il fatto che fossero così arrabbiati quando io mi sentivo in uno stato meraviglioso che certamente non volevo abbandonare.

 

Poi intervennero con un defibrillatore e sono tornata nel mondo dei vivi con tutto il suo dolore, ma io volevo tornare alla serenità dell'altro posto.

 

Sono stata spostata dall'ambulanza al pronto soccorso e poi portata direttamente in chirurgia e mentre ciò avveniva ero consapevole delle conversazioni che si svolgevano intorno a me, da ciò che diceva il dottore al tecnico e tante conversazioni; durante l'intervento il medico disse di somministrarmi più anestetico e sono andata in uno stato di incoscienza e mi sono poi svegliata nel reparto di terapia coronarica con il mio chirurgo seduto al capezzale.

 

Lui mi ha detto "Non mi conosci ..." e l'ho interrotto e ho detto "Sì, lo so", e ho continuato raccontandogli chi era e cosa era successo ... era ovviamente sbalordito dal fatto che potevo parlargli del pronto soccorso e della chirurgia ... lui pensava che non sarebbe stato mai possibile.

 

Nella vita ho poi continuato a lavorare con i miei giovani pazienti affetti da malattie mentali o problemi comportamentali; sono diventata ancora più paziente, saggia, ancora più empatica e tutti intorno a me ne beneficiano.

 

Un saluto

 

Tra la vita e la morte frasi della mia esperienza sono frasi di Roberta

 

 

 

Tra la vita e la morte frasi della mia esperienza

 

Tra la vita e la morte frasi

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email