Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

Come è fatto il Paradiso

Come è fatto il Paradiso esperienze nde

 

Come è fatto il Paradiso

 

Lavoravo come sarta in un'azienda di abbigliamento sportivo; tutti sapevano che soffrivo di convulsioni ed erano stati addestrato su cosa fare se mi fossi sentita male: lasciarmi e chiamare i soccorsi.

 

Ho sentito arrivare un attacco e mi sono allontanata dalla macchina su cui stavo lavorando, poi non ricordo più niente di quegli istanti se non che ad un certo punto mi sono sentita molto più leggera ed ero in piedi in un angolo e guardavo il mio corpo sussultare sul pavimento, poi il mio corpo ha smesso di muoversi.

 

Nel frattempo i miei colleghi si preoccupavano e si agitavano, poi sono arrivati i soccorsi.

 

Poi ho avuto come la sensazione di cadere all’indietro e mi sono trovata in un posto pieno di luce, c’era un bellissimo prato, alberi anche in lontananza, c’era mia nonna e molte persone

 

Vicino a noi c'era un grande masso roccioso e un piccolo torrente che lo attraversava e continuava il suo corso.

 

C'erano anche molti dei miei parenti lì della famiglia di mio padre e di mia madre, alcuni non li avevo conosciuti sulla terra; comunicavamo tra di noi parlando senza parole, come se ci trasferissimo l’un l’altro la conoscenza e ci mettemmo insieme a parlare della mia vita e delle cose che avrei dovuto fare e che non stavo facendo, esperienze che ancora non stavo facendo nella vita e per questa ragione tutti iniziarono a dirmi che dovevo tornare indietro, che dovevo tornare sulla terra per completare il mio progetto.

 

Mio nonno (il padre di mia madre che morì quando ero una bambina) mi disse abbastanza delicatamente che dovevo attraversare il torrente e finire il mio lavoro sulla terra; tutti erano così gentili, ma insistenti, desideravano che attraversassi il torrente e alla fine vinsero.

 

Presi coscienza quando mi stavano portando sull’ambulanza e anche se sapevo di poter parlare mi ci volle qualche istante per “trovare” le parole, “pensare” le parole da dire e poi sorrisi.

 

Mi è stato poi detto che il mio cuore si era fermato e che ci erano voluti circa 5 minuti per farlo ripartire, ma a me sembra che l’incontro con mia nonna e con i miei parenti sia durato delle ore.

 

Quella felicità, quella sensazione di grande pace, è il ricordo più prezioso per me (che ancora devo scoprire quale compito devo ancora svolgere sulla terra) e l’aver sperimentato queste emozioni mi è di grande conforto quando muore qualcuno che amo: ora so che sta bene.

 

Come è fatto il Paradiso esperienze nde sono parole di Margherita

 

 

 

Come è fatto il Paradiso esperienze nde

 

Come è fatto il Paradiso

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email