Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Gruppi preghiera

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche Messaggi

 

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche

 

Le Guide Angeliche dettano a Lidia al Gruppo di preghiera Amore e guarigione di Catania

 

10.09.2013

 

Fratelli diletti, è sempre motivo di grande gioia per noi tutti sentire il richiamo dei vostri spiriti, così come ha deciso la vostra volontà spirituale. Il colloquio che si instaura in questo momento è un colloquio tra cuore e cuore, tra spirito e spirito, un colloquio schietto, pulito, senza le sovrastrutture, senza le inutilità a cui siete abituati come vi detta la mente. Dobbiamo riconoscere, però, che la vostra è una mente attenzionata, controllata, revisionata, così come fate con la vostra macchina per poterla rendere armoniosa, elastica e sempre funzionante, secondo i dettami della voce imperiosa che arriva dal cuore.

 

Una mente, dunque, che ha stretto una collaborazione e impostato una amicizia affettuosa con il vostro sentire interiore: se ancora ogni tanto, ma  sempre più di rado, l'istintività, l’ego inferiore fa capolino, siete in grado, siete capaci di riportare tutto il vostro essere sotto la guida e la direttiva centrale del vostro spirito. In parole povere: siete in grado di riconoscere i vostri eccessi e le ricadute del vecchio modo d'essere che ogni tanto si fanno avanti nella vostra vita.

 

Naturalmente, tutto questo succede perché le sollecitazioni del mondo esterno, del mondo che vi circonda sono sempre lì, pronti a cercare di riportarvi indietro, nel contatto con fratelli inconsapevoli che vibrano ad una determinata frequenza e mal si accordano con le vostre frequenze. Lo stridore che si verifica - che sul vostro piano diventa incompatibilità caratteriale - è da imputare soltanto al grado vibrazionale che ognuno porta con sé come caratteristica precipua individuale, ma si possono avere degli addentellati con altri fratelli che hanno fatto lo stesso percorso evolutivo. I latini dicevano “similia cum similibus”. Loro, naturalmente, si riferivano a una similitudine di razza, di consuetudine, di civiltà, ma dobbiamo andare più in profondità e scomodare necessariamente il grado vibratorio che c'è in ogni persona. Tutto vibra nel vostro Universo ad una determinata frequenza e le forme che avete attorno a voi, i vari aspetti della natura, sono determinati dal grado vibratorio.

 

Per cui,c'è una grande differenza tra la vibrazione di una pianta, sia da una specie ad un'altra, come da una pianta ad un animale e da un animale ad un altro animale. Nell'essere umano il grado vibratorio porta con sé gli aspetti della pianta, dell'animale ma anche qualcosa in più: quella eredità divina, quella impronta divina che Dio ha voluto conferirgli come chance in più.

 

Questa prerogativa così straordinaria, molti nostri fratelli umani non sanno di averla e non hanno nessuna voglia di ricercarla, perché non hanno idea della grandezza e della peculiarità di questo segno, di questa dote.

 

Fratelli che mi ascoltate, gli anni del vostro tempo sono lunghissimi ma, in assenza di tempo, tutto è contemporaneo e presente, come le immagini dei vostri vissuti incarnativi; tutte le vostre realizzazioni, nei vari momenti di crescita, come sperimentazione. Perciò vi dico: dimenticate il tempo che passa, gli anni che si accumulano e vedetevi come vi vediamo noi, giovanili forti e speranzosi.

 

Non pensate che avete poco tempo davanti a voi per realizzare i vostri progetti. Anche se tra voi, nel vostro gruppo, ci sono giovani che devono ancora tanto darsi da fare, per alcuni di voi le realizzazioni sono soltanto interiori e, proprio per queste, non occorre del tempo, cioè a dire un tempo lungo.

 

Non pensate di avere poco tempo a disposizione perché la vecchiaia incalza e temete di non farcela; un risveglio totale può avvenire in un attimo, un attimo del vostro tempo.

 

I fratelli che ci ospitano in questa casa hanno ancora in mente tanti progetti che non riguardano soltanto le loro persone, ma sono diretti ai loro figli, al lavoro futuro di questi giovani. La preoccupazione dei loro cuori, noi dobbiamo fugarla, perché - per prima cosa - devono essere convinti e sicuri di avere messo al mondo, di avere dato l'opportunità di incarnarsi nella loro famiglia a degli esseri che noi conoscevamo e che daranno molte soddisfazioni ai loro genitori. Sono già delle anime risvegliate, sono delle anime che hanno ben chiaro il programma che devono svolgere, che a molti è sconosciuto. Avranno occasioni importanti nella loro vita che si presenteranno per il loro benessere futuro: sono occasioni meritate come corrispettivo, come ritorno della legge di causa-effetto. Non c'è niente che si presenta nel vostro programma - che sembra giungere come avvenimento inaspettato - che non sia stato determinato dalla vostra azione e quindi voluto dallo spirito. Pertanto, considerate quei doni dal cielo, ben meritati, come corrispettivo, come ritorno di molte incarnazioni improntate sull’amore verso gli altri.

 

Anche la famiglia che li ha accolti ha, al suo attivo, un vissuto incarnativo di lunga sperimentazione: tra gioie e sofferenze, c'è stata, sempre, la ricerca del bene, del bene per sé e per gli altri. Questa nuova concezione della vita, che a molti dei vostri fratelli è interdetta perché non riconosciuta, per voi che mi ascoltate diventa qualcosa di noto. Vi chiedete come mai? Anche il riconoscimento così apparentemente innaturale nell'approccio alla vita è una conseguenza logica della sperimentazione di tutti i vissuti incarnativi e non incarnativi.

 

Sappiamo che è difficile per voi raffigurarvi di essere stati a noi vicini, di averci conosciuto, di averci aiutato e sostenuto col vostro amore. Però, credete alle mie parole: la conoscenza tra noi non è una conoscenza recente, di questi pochi anni di connessioni energetiche e di scambio d'amore, siete stati in tutti i vostri vissuti vicino a noi e, insieme, abbiamo percorso dei tratti di strada condividendo sofferenze e gioie.

 

E se ora siamo puri spiriti, questo non ha annullato, non ha cancellato la memoria, la memoria del bene che ci si è dato reciprocamente; in tal modo, il bene dato e ricevuto diventa un segno di riconoscimento, un nome e un cognome spirituali che vi connotano, che vi distinguono l'uno dall'altro. Nel vostro gene spirituale è scritto con lettere di fuoco indelebili, l'impegno che avete messo e la dedizione che vi ha contraddistinto. Sono presenti anche le vostre cadute, ma non c'è mai un tornare indietro, una regressione, perché la spinta a progredire, a innalzarsi, che impronta la condizione anche umana, è stata sempre forte e sentita. Non vi siete mai accontentati dei contorni materiali, che più di uno di voi ha avuto in altre vite come premio, perché il pensiero era rivolto sempre ad innalzarsi, ad elevarsi.

 

La vostra carta di identità è antica e si può paragonare a tutte le iscrizioni di un vocabolario, vocabolario che noi leggiamo in un attimo con i nostri occhi spirituali. Sappiamo di certo come siete e come sarete in futuro, e questa certezza ci proviene da una conoscenza reciproca molto intima. Sappiamo anche che voi dubitate, non siete certi di essere degni delle nostre parole di elogio e di riconoscimento del valore del vostro essere.

 

Vi  misurate con il concetto che avete, che  hanno gli altri  di voi e su di voi, ma l’opinione umana è molto piccola e riduttiva. Siete cresciuti in un ambiente che non ha valorizzato le vostre qualità interiori, per cui pensate di essere soltanto, di vedervi soltanto nella vostra personalità fisica e nel carattere. Invece, dovete andare oltre, e come fate per voi stessi, ricercando le qualità del vostro intimo, così fate nel rapporto con gli altri, con il vostro prossimo, quella parte di prossimo che a volte vi indispettisce, vi fa perdere la pazienza.

 

Se non fate intervenire, in tali momenti, la compassione fraterna, vi troverete fuori strada, fuori dal binario. Ricordate che, poi, serve molta fatica per riprendere il rettilineo! Dovete cominciare a pensare e a scrivere - con lettere di fuoco - che siete dei privilegiati, delle anime speciali, perché avete amici invisibili che vi amano e vi proteggono. Soprattutto, vi amano in una maniera non umana, è un amore ultra terreno, un amore senza contropartita che non potete sperimentare sulla Terra. E’ questo nostro amore che vi sostiene e vi dovrà sostenere nei momenti di difficoltà, nei momenti di smarrimento, quando pensate di non farcela. Pensate, invece - e costantemente - quanto siete amati, quanto siete benvoluti da tutti noi fratelli di un’altra dimensione. Esiste qualcosa di più prezioso, di più grande di questo dono? Se avete un gioiello, siete contenti se lo guardate e lo portate con voi, ma vi potrà mai dare, costantemente, questo tipo di gioia? Avete un miliardo in banca ... sarete contenti, ma avrete anche tante preoccupazioni e perciò non sarà una gioia pura.

 

Avete la gioia dei figli, ma anche loro possono crearvi dei problemi e, quindi, la gioia della maternità e della paternità sono sempre offuscate da qualcosa d’imprevedibile. Il nostro amore è la cosa più certa che potrete avere, la più sicura che, assieme a tutte le altre gioie della vita, diventa un contorno meraviglioso, un contorno eccezionale.

 

E allora rinfrancatevi dalle amarezze del vivere, dalle incomprensioni dei vostri fratelli, facendo giungere sulla vostra persona l'energia d'amore, l’energia guaritrice che c'è in tutto l'Universo e che - su di voi - noi continuamente indirizziamo. Fate in modo che il vostro organismo diventi un ricettacolo di purissima energia per poter fare fronte a tutte le eventualità della vita, come se aveste una riserva aurea che nei momenti di bisogno può servirvi.

 

Ora io mi fermo per darvi la possibilità di fare domande se ce ne fosse bisogno. Siamo qui anche per questo, per ascoltare e dare risposte ai vostri pensieri, alle vostre problematiche.

 

Il fratello A. - D. - Io una domanda c'è l'avrei da tanto tempo e riguarda la percezione dello spazio e del tempo: se continueremo a percepirli così come è in questa nostra dimensione, oppure segua un processo più celere tanto da avvertire l'assenza del tempo e dello spazio?

 

R. – La risposta riguarda questa seconda alternativa. Prima che si entri nell'assenza di tempo, nell'immediatezza del passaggio dimensionale, il tempo è come se si accelerasse al contrario e anziché spingersi verso il futuro, si attorciglia su se stesso, sul vostro passato. Rivedrete tutte le vostre vite, da quella precedente alla morte, comprese le altre vite: tutti i vissuti in un baleno, tra una dimensione all'altra immediatamente successiva. Dobbiamo parlare a voi in questi termini per darvi un'idea didattica, diciamo più concreta.

 

C’è ancora una concezione del tempo che sperimentate e questo processo dura quel tanto che è necessario per prendere coscienza di alcuni fatti della vostra vita, per rendervi conto, realmente, di ciò che doveva essere fatto e non si è fatto, e via dicendo, perché ancora persistono gli stati d'animo e le emozioni, elementi che verranno poi eliminati, sublimati, in quanto non più necessari. Questo processo è come una pellicola cinematografica che si  riavvolge su se stessa.

 

Superata questa fase - che poi è diversa da essere a essere - si può cominciare ad addestrare lo stato di coscienza ad una assenza di tempo e cominciare a percepire l'eternità,  ma non ancora a viverla.

 

Il fratello A. chiede ancora se Il divenire continua ad essere presente, come processo.

 

R. - Il divenire continua, però come immagini di un film, percepite con distacco, in maniera diversa dal divenire di quando si è nella carne.

 

Comunque, affronteremo anche questi argomenti ...

 

Il fratello A.– Potresti, in futuro, parlare del dopo vita?

 

R. - Questo lo affronteremo in altri momenti, quando ci sarà più tempo, intanto ripropongo - se c'è ne fosse bisogno - la nostra disponibilità ad eventuali domande che riguardano i nostri  fratelli presenti.

 

I fratelli non hanno da porre domande.

 

Adesso chiudiamo questa comunicazione ricordandovi sempre la nostra disponibilità, la nostra pazienza infinita, ricordandovi di vivere la vostra esistenza senza pensieri e azioni inutili che danneggiano lo spirito, ricordandovi di lasciare spazio alla gioia, alla gratificazione per sé stessi e per gli altri.

 

Ora io vi saluto lasciandovi la mia pace.

Addio, fratelli.

 

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche Messaggi è stato dettato al Gruppo di preghiera

 

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche Messaggi

 

Gruppo Di Preghiera Amore Dalle Guide Angeliche

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email