Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Umanità

Messaggi Di Insegnamento Attesa Passività E Cambiamento

Messaggi Di Insegnamento Attesa Passività E Cambiamento
 
Miei dolcissimi fratelli e dolcissime sorelle, oggi con questo messaggio concludiamo i nostri incontri; la nostra Sara Luce meritatamente si sta recando in vacanza e anche se solo per pochi giorni, le nostre parole che vi stanno accompagnando da molto tempo ormai, non sentirete, ma nonostante questa interruzione, gli occhi del nostro Amore vi accompagneranno lo stesso, come è stato sempre e sempre sarà.
 
Nel tempo questi dettati vi hanno messo in luce la verità e vi hanno accompagnato a scoprire in voi stessi molti schemi che si sono rivelati inefficaci per l'espressione del vostro affetto e del vostro Amore.
 
Leggendo questi nostri sacri messaggi molti di voi hanno abbandonato questi molti schemi e hanno sperimentato i nostri consigli e i nostri insegnamenti.
 
Quest'oggi ho un nuovo insegnamento da comunicarvi e riguarda l'attesa.
 
Molti di voi fratelli attendono, attendono un futuro molto più favorevole per esprimere il dolce loro Amore; molti fratelli attendono che siano gli altri a cambiare per portare loro stessi il loro contributo al cambiamento; molti fratelli attendono che le situazioni siano gli altri a risolverle convinti di non avere forza o impegno sufficienti; molti fratelli attendono un miracolo che sconvolga la situazione prima di fare loro un giusto passo; molti fratelli attendono qualche cosa dal Signore in un'attesa passiva.
 
Fratelli queste situazioni sono molto comuni e miei fratelli è per questo che oggi ho deciso di parlarvi proprio dell'attesa.
 
Ai miei occhi, attesa significa non solo un po' di tempo, ma significa passività; è questo il discorso principale che è compreso nell'attesa.
 
Riflettiamo insieme, confrontiamo i nostri pensieri e le nostre idee e cerchiamo come abbiamo imparato ad arricchire i nostri stessi pensieri dei pensieri degli altri allo scopo di comprendere realmente il perché e di conseguenza abbracciare pensieri molto più complessi frutto dello scambio tra di noi.
 
Perché non mi comunicate i vostri pensieri e le vostre considerazioni su questa passività e sul concetto di attesa? Vi ascoltiamo con il desiderio di essere arricchiti dal dolce vostro pensiero.
 
Quanti pensieri mi sono arrivati, ho interrogato i vostri propri cuori e i cuori mi hanno comunicato i pensieri delle vostre menti.
 
È interessante però notare che mentre il cuore vostro ha risposto prontamente, il pensiero non ha detto niente di più che essere in attesa delle mie stesse parole di chiarificazione che fra poco io detterò per voi.
 
Interessante, non credete? L'attesa è un vostro atteggiamento passivo di ascolto quasi che i pensieri vostri abbiamo molto meno valore dei nostri stessi pensieri.
 
Riflettiamo, come altre volte vi ho detto, il nostro cuore è depositario di tutte le verità esattamente come il vostro cuore e questa differenza tra voi e noi riguarda soltanto un aspetto: la consapevolezza sviluppata delle verità preziose custodite dentro i nostri cuori.
 
Questa è l'unica reale differenza tra di noi, il livello di consapevolezza delle verità custodite nel cuore.
 
Riprendiamo con questo insegnamento.
 
Fratelli le verità nel cuore sono disponibili proprio a tutti, l'ascolto delle verità del cuore, miei fratelli, fa dunque la differenza.
 
Ascoltiamo i nostri cuori e riproponiamo la nostra domanda, Perché l'attesa si presenta spesso come attesa passiva? Proviamo ad interrogare i nostri cuori.
 
Perfetto, abbiamo molti più pensieri che poggiano proprio sul cuore, sugli affetti le loro spiegazioni.
 
Cominciamo col dire che a volte l'attesa si trasforma in attesa passiva proprio perché non è nella mente la soluzione ma è a livello del cuore, l'attesa è un'emozione che trova risposta nell'affetto e dunque nel cuore.
 
L'impossibilità di esprimere della mente è l'indicazione che è nel cuore la possibile risposta.
 
E dentro al cuore noi rivolgiamo adesso la nostra attenzione.
 
L'impossibilità di operare nasce dalla sensazione di impossibilità di produrre un cambiamento.
 
Da dove nasce questa sensazione di impossibilità di produrre un cambiamento?
 
Nasce miei dolcissimi fratelli e sorelle, dal non-ascolto; quando voi avete avuto determinati problemi il non-ascolto vi ha forse portato a non sperimentare cambiamenti; oppure il non-ascolto ha insinuato dentro di voi l'idea che i vostri genitori o gli adulti, non dessero molto valore a voi stessi e alle situazioni che vi davano problemi; oppure nel corso del tempo il non-ascolto dei molti vostri fratelli, vi ha portato a credere che come figli i vostri giusti problemi non potevano risolversi se non come conseguenza delle risposte ai problemi prima dei vostri fratelli; oppure avete pensato che i vostri problemi non dipendessero dal non-ascolto ma fossero problemi molto importanti, esigenze impossibili da risolversi e avete accettato questa motivazione invece di pensare che il vero problema fosse solo il non-ascolto.
 
Miei fratelli e mie dolci sorelle, che impressione vi fa scoprire che in tutte queste situazioni si è parlato di non-ascolto?
 
Quasi tutti notando questo, state provando un'emozione aggressiva nei confronti delle persone che avrebbero dovuto ascoltarvi e invece quello che non riuscite a perdonarvi è di essere stati a vostra volta, coloro che per primi non si sono ascoltati.
 
Sorpresi miei fratelli? In fondo al vostro cuore non è certo la rabbia per i vostri genitori a disturbarvi, quanto la constatazione di essere stati voi stessi a non-ascoltarvi in tutti questi anni e adesso è difficile prendere e perdonarsi perché vi state accorgendo che siete voi stessi gli autori dei vostri silenzi, delle vostre attese, della vostra passività.
 
Per noi questo perdono è importantissimo, partite dal vostro cuore, pensate a quante volte avete dato il dolce Amore vostro, pensate a tutti i fratelli aiutati, pensate a quante volte voi avete dato ascolto, pensate a quanti tipi di problemi avete saputo rispondere con la vostra mente e con il vostro cuore. Non vi sembra che tutto questo parli del vostro meraviglioso affetto? Non vi sembra che abbiate dimostrato con il tempo di sapervi occupare con competenza dei vostri fratelli? Non vi sembra che il valore del vostro Amore sia grandissimo?
 
Fratelli dolcissimi e dolcissime sorelle, questo è dunque quello che gli occhi del vostro cuore cominciano a vedere guardandovi, questo, miei fratelli, è quello che i nostri occhi dell'Amore vedono guardandovi.
 
Esiste il perdono quando davanti ai vostri occhi vedete tutte queste manifestazioni del vostro meraviglioso affetto e Amore?
 
Pensate miei fratelli se ascoltaste veramente il vostro affetto per voi, dentro di voi, portando sempre la vostra attenzione e il vostro ascolto sul vostro meraviglioso cuore, come cambierebbe la vostra esistenza; pensate miei fratelli con che forza, consapevoli dell'ascolto delle verità del vostro cuore, potreste portare gli altri consapevoli delle loro stesse ragioni e consapevoli delle vostre stesse ragioni; pensate miei fratelli a quanti cambiamenti potreste dolcemente portare i vostri fratelli aiutandoli ad ascoltare il loro stesso cuore in risposta all'ascoltarvi nel vostro stesso cuore.
 
Consapevoli di queste possibilità reali di cambiamento, non pensate sia giunto il tempo di promettere ogni ascolto al vostro stesso cuore?
 
Sono sicuro che adesso potete perdonarvi e sono altrettanto sicuro che da adesso inizia una vita nuova, una vita importantissima in cui il vostro cuore, il vostro affetto e il vostro Amore avrà per sempre l'impegno di esprimersi a voi stessi in prima persona e di conseguenza di esprimersi a tutti i vostri fratelli.
 
D'accordo, la Sara Luce sta partendo, ma questo per voi è l'impegno con voi stessi, i compiti delle vacanze, siamo a scuola d'Amore e miei dolcissimi fratelli, a scuola d'Amore siete ogni giorno, non ci sono vacanze per il cuore che anela a esprimere ogni giorno di più l'Amore meraviglioso che il Padre ci e vi ha donato.
 
Ancora poche parole, è un'esperienza veramente meravigliosa condurvi su questa strada di consapevolezza del vostro meraviglioso affetto e meraviglioso Amore.
 
Miei fratelli così amati, mie sorelle così amate, così vicino noi saremo sempre, il dolce nostro cuore e il vostro dolce cuore e io sono molto felice pensando al mio ritorno con le dolci mie parole, con i dolci miei pensieri dedicati a voi tutti.
 
Infinito è il mio Affetto per ognuno di voi miei fratelli, Infinito è il mio Affetto per ognuna di voi mie sorelle; l'attesa è dolce, l'attesa dura un secondo, quando ascoltando il nostro Amore, consapevoli di quanto, quanto Amore c'è dentro il cuore nostro, attendiamo con forza il prossimo incontro sicuri che questo nuovo e dolce incontro sarà una nuova e dolce occasione di crescita.
 
Con le lacrime agli occhi per la dolce nostalgia che sto provando dentro al mio cuore nell'attesa di aiutarvi ancora, vi lascio, ma solo con le parole.
 
Il vostro innamorato e felice fratello Gesù Cristo.
 
Saluti da tutto il nostro Cielo, gli Angeli intonano una canzone che parla di nostalgia di un incontro atteso con tutto il cuore e cantano dei fratelli che cantano di nostalgia in attesa del nostro ritorno.
 
Queste emozioni vedono gli Angeli nei nostri cuori e nei vostri cuori.
 
Messaggio trasmesso dal Cielo il 24.07.2005
 
Titolo Messaggi Di Insegnamento Attesa Passività E Cambiamento
 
 

Stampa Email