Le Parole degli Angeli
Italiano  Inglese

Premorte

La verità sulla vita dopo

La verità sulla vita dopo la morte vi racconto la mia esperienza

 

La verità sulla vita dopo

 

L'auto che ci stava trasportando si ruppe di fronte a un piccolo cimitero. Mio padre era seduto accanto all'autista del taxi; mia madre e mia nonna dietro e mia nonna aveva una bambina in braccio che non riconoscevo. Ho sentito il dolore, il dolore di tutti, stavano soffrendo a causa mia, avevano il cuore a pezzi e non capivo il perché. Ero seduta accanto a mio padre e all'autista della macchina e gli dissi che mi sentivo bene, che non c'era bisogno di preoccuparsi, ma non sembrava vedermi o sentirmi.

 

Semplicemente pensandoci, mi sono messa di fronte a mia madre e mia nonna e ho gridato loro di non piangere per me, che stavo bene. Mia nonna ha detto qualcosa che ho trovato davvero divertente. ("Com'è divertente, una macchina che muore proprio di fronte a un cimitero!") Risi molto, il senso dell'umorismo della mia cara nonna mi ha davvero divertito.

 

Conoscevo e riconoscevo ognuno di loro, sentivo i loro sentimenti e leggevo i loro pensieri, ma per me era impossibile comunicare con loro. Quando ho capito che non mi vedevano né sentivano, ho deciso di "tornare a casa". C'era solo una cosa fuori posto: quella bambina così piccola che mia nonna teneva in braccio avvolta in uno scialle nero che si era tessuta da sola. Non sapevo chi fosse quella bimba, non capivo la sua presenza, non avevo emozioni verso di lei, non capivo, la sua presenza mi sembrava assurda, una piccola bambina di 5 mesi.

 

Lasciai la macchina dal tetto, fluttuando - cosa che a me sembrava normale - e mi fermai a guardare la campagna. Era il crepuscolo, i campi erano in fiore, il rosmarino e il timo e persino le rocce erano circondate da un'aura di luce color pastello; aveva piovuto alcuni giorni prima e la terra era bagnata e rinnovata; tutto emanava bellezza e luce e io ero affascinata dalla contemplazione della terra. Tutto era circondato dalla luce, tutto era vivo, potevo vedere ciò che era opaco e ciò che era trasparente, potevo vedere, col senno di poi, ciò che era visibile all'occhio umano e ciò che era invisibile.

 

All'improvviso il sole, che era di un colore dorato, cominciò a diventare sempre più grande e io sentii che potevo tornare a casa, nel mio luogo di origine, nel luogo da cui provenivo. In quel momento ho cercato di inserirmi in un'enorme sfera di luce ma ho sentito e percepito una voce che diceva: "NO!". Non potevo andare avanti. Quella voce mi ha trattenuto. Aveva potere e autorità su ciò che accadeva. Mi ha detto dolcemente: "Devi tornare". Ho detto, anzi, l'ho urlato, che nessuno mi aveva visto né sentito, che nessuno era a conoscenza della mia presenza né della mia esistenza e, soprattutto, non sapevo dove dovevo tornare né come farlo.

 

Fu allora che questa Presenza mi indicò che il corpo della bambina era il posto in cui dovevo tornare ... quel corpo inerte, insensibile, quel posto piccolo e asfittico ... quella bambina ero io!

 

In quel momento provai un dolore enorme e un'oppressione che si estese al mio intero Essere; dissi alla Voce che tornare avrebbe richiesto oblio, che avrei fatto un lungo viaggio prima di ricordare chi ero e che era possibile che non lo avrei mai scoperto.

 

La Voce, dolce ma potente, mi ha detto di tornare, che non potevo ancora tornare a "casa" e mi ha fatto una promessa: che sarebbe sempre stato al mio fianco.

 

Ora non ricordo più niente, i miei genitori mi hanno raccontato quello che mi è successo in seguito molte volte, sono riusciti a riparare la macchina, siamo arrivati al Paese e il dottore ha certificato la mia morte, ma anche così, ha acconsentito a darmi un siero perché mio padre, sopraffatto dal dolore, ha minacciato di ucciderlo se non l'avesse fatto. Alcune ore dopo la morte, dicono che ho emesso un gemito.

 

Dovrei spiegarvi che durante la mia esperienza ho percepito me stessa come adulta, consapevole, pensante, senziente e con un senso dell'umorismo, proprio come lo sono adesso; sentivo i sentimenti degli altri e ascoltavo i loro pensieri, sapevo tutto di tutto, incluso di me stessa; avevo piena consapevolezza di ciò che è e cosa non è; ho sentito la bellezza di tutte le cose, la bellezza dell'esistenza; sapevo che ero viva ed eterna ... è difficile, se non impossibile, trovare le parole precise che possono esprimere tutto ciò che ho vissuto.

 

Ho continuato ad avere esperienze dall'altra parte per il resto della mia vita e mi ci sono voluti molti anni per capire che non era qualcosa che accadeva a tutti; ho imparato a conviverci, anche se è stato un percorso solitario e mi sono spesso sentita incompresa.

 

Oggi posso dire di aver ricordato, di ricordare chi sono e sono contenta che mi abbiano impedito di tornare quando non dovevo ... ooohhh ... e la Voce ha mantenuto la sua promessa.

 

La vita è molto più trascendente di ciò che immaginiamo; la vita è; la morte è solo un piccolo passo.

 

La verità sulla vita dopo la morte vi racconto la mia esperienza sono parole di Maria

 

 

 

La verità sulla vita dopo la morte vi racconto la mia esperienza

 

www.leparoledegliangeli.com

 

Stampa Email